A tempo perso | Poesia | woodenship | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • MG
  • kip
  • Romeo
  • giuseppe riccar...
  • Ardoval

A tempo perso

… è che mai L’ho capito cosa possa
o non possa significare il tempo;
non so “avanzarne”cosa voglia dire.
Più facile è che ne perda da ozioso
peggio che sangue da una vena aperta.
Spesso mi ci accomodo frustro e lasso
e imperterrito a dissanguarmi resto.
Poi, dopo nulla facere apatico,
già che la pigrizia mi ha roso carni,
mi dispero, mi specchio ebbro e capisco:
di tempo ogni cosa ha il suo. Così sono
pure io, essendo ancora nel mio di tempo,
fiore fatuo che ritarda a sfiorire.

ritratto di Giuseppina Iannello
 #
Ognuno di noi anela a qualcosa che si perde nell'illusione di un sogno.
Molto bella, ricca di delicate sfumature, invita il lettore a pensare.
Un caro saluto.
Giusy
 

 #
Cosa potremmo mai essere, se non avessimo delle illusioni?
Grazie di cuore con anche a te un caro saluto.
 

ritratto di Virgo
 #
La cosa più buffa e assurda che riguarda il tempo è che quello che sprechiamo è lo stesso che poi vorremmo recuperare quando capiamo di non averne più. Il tempo è la beffa dell'esistenza, amico e nemico allo stesso tempo, ci insegue e ci sfugge allo stesso modo, cammina al nostro fianco ma è pronto ad abbandonarci senza voltarsi indietro...
 

 #
E'tutta una questione di punti di vista, mia cara Virgo: c'è anche chi dice che il tempo non si perde mai, semplicemente va. E noi andiamo con esso, ognuno con un passo nostro. Per cui, alla fine, ciò che aveva da essere è stato. Quello che non aveva da essere non è stato. Nulla più nulla di meno. In poche parole: sarebbe la nostra concezione umana e occidentale del tempo, a darci questa percezione di perdere tempo, di non averne mai a sufficienza.
Personalmente, sono combattuto tra la percezione della perdita e la non perdita. Chissà se riuscirò mai a risolvere la questione, facendomene anche una ragione. Per l'intanto ti ringrazio di cuore per queste tue considerazioni, personalmente, molto sentite e perciò condivise.
 

ritratto di Virgo
 #
Caro Wooden, la questione è fra le più discusse e intepretate: credo che il fatalismo ci aiuti molto ad accettare tutto ciò che non vorremmo, anche il tempo che a volte non sappiamo come trascorrere, o quello che vorremmo non finisse. Basti pensare a una giornata uggiosa o passata in un modo diverso da come avremmo preferito, o ai momenti di felicità che vorremmo eterni; il tempo perduto da non poter più passare con chi amiamo, o quello concesso troppo a chi non lo meritava. Purtroppo la vita, spesso, non ci è amica e il tempo si diverte a rubarci sempre qualche pezzetto ma pensare che un destino esterno sia il "colpevole" di tutto, ci libera in parte del peso di qualche errore...  Un grazie a te.
 

 #
Personalmente, non mi ritengo fatalista. Evoluzionista senz'altro: ho una percezione del tempo come uno scorrere in divenire. in questo scorrere, ogni individuo o specie s'ingegna a sopravvivere. L'essere umano, avendo maturato la percezione del tempo che va, ha elaborato evolvendosi visioni fatalistiche, fideistiche oppure materialistiche, per cercare di dare un senso alla mera sopravvivenza. E, soprattutto, come tu ben dici: alla ricerca di un Caprio espiatorio che giustifichi il negativo o il positivo del vivere. E' molto difficile provare a considerare he le cose accadano indipendentemente da qualsiasi volontà superiore o meno. Bensì solo perchè sono possibili e quindi in predicato di essere, un po' come noi del resto.
Grazie più che mai
 

ritratto di ComPensAzione
 #
Quale verità... quando ero presa dal lavoro e dalla famiglia avevo il cruccio che il tempo non bastava mai, ora che ne ho a bizzeffe ne perdo per nulla come uno scolapasta... bello leggerti, caro amico...
 

 #
Io ci ho riflettuto molto, sai? Soprattutto in questo anno di pandemia. E sono arrivato alla conclusione che non è tanto e solo la pigrizia che ha il sopravvento al venir meno di impegni mondani come il avoro o a famiglia. Bensì è per un difetto di concentrazione: quando si è sotto stress da impegni, padassolmente la concentrazione aumenta, favorendo un impegno maggiore in ogni campo. Quando l'adrenalina si abbassa, proprio erchè ci si ritrova con meno cose da fare, ecco che tutta la stanxhezza viene al pettine. Così è stato per questo periodo in cui ci si è ritrovati di punto in bianco a restringere l'agenda degli impegni e della socialità. Se poi, come nel mio caso, ci aggingi una propensione alla dispersione, alla distrazione ed a tutto quello che possa considerarsi perdita di tempo, ecco che la frittata è bella che servita.
Grazie di cuore, anche per è bello leggerti. E son davvero felice per questo tuo ritorno.
 

ritratto di live4free
 #
Quella sensazione di colpa che ci prende certe volte in cui ci sembra quasi svegliarci e diventare consapevoli di cosa avremmo potuto fare e non abbiamo fatto. È sempre piacevole e coinvolgente entrare nei tuoi pensieri, ti abbraccio caro. 
 

 #
Ad esser sinceri, credo che sia il mondo intorno, a fare sorgere in noi sensi di colpa: ognuno matura col proprio tempo, perchè ogni cosa ha un suo tempo. E' la convivenza, la vita sociale, a fare si che ognuno debba andare contro se stesso e il proprio tempo. Bisognerebbe averci il coraggio d'ignorare  questa fagocitaziona che ci stressa e inibisce...
Grazie di cuore a te anche per l'abbraccio che ricambio con grande affetto amicale.
 

ritratto di live4free
 #
Quella sensazione di colpa che ci prende certe volte in cui ci sembra quasi svegliarci e diventare consapevoli di cosa avremmo potuto fare e non abbiamo fatto. È sempre piacevole e coinvolgente entrare nei tuoi pensieri, ti abbraccio caro. 
 

 #
Ad esser sinceri, credo che sia il mondo intorno, a fare sorgere in noi sensi di colpa: ognuno matura col proprio tempo, perchè ogni cosa ha un suo tempo. E' la convivenza, la vita sociale, a fare si che ognuno debba andare contro se stesso e il proprio tempo. Bisognerebbe averci il coraggio d'ignorare  questa fagocitaziona che ci stressa e inibisce...
Grazie di cuore a te anche per l'abbraccio che ricambio con grande affetto amicale.
 

 #
Ognuno agave nel proprio variegato tempio che per pareti ha il mondo. Grazie, letta con piacere. Un caro saluto.
 

 #
Se non sbaglio, dall'agave oltre a tante cose, si ricava anche la tequila: gran cosa la tequila, vero? E se anche da ognuno di noi fosse possibile estrarre qualcosa di simile, qualcosa che possa fare inebriare altri di noi...
Grazie di cuore anche per questo tuo apprezzamento assai prezioso. Ed anche a te un più che caro saluto.
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 4 utenti e 1609 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Raggiodiluna
  • live4free
  • Gigigi
  • Antonella Iuril...