Blog | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Piazzetta virtuale

 agorà

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • giorgio moio
  • Giuseppe54
  • Giuseppe Rongaudio
  • Gabri
  • Ignu

Blog

Tolleranza zero

 

Nessuna pietà, nessuna giustificazione o alibi verso te stesso
se mentre spingi il carrello pieno delle scorie della tua anima
lungo le corsie del supermercato della vita rovesci una pila di desideri
ammucchiati a bella posta per attirare i consumatori ingordi del tempo.
 
Nessuna pietà, nessun perdono possono essere concessi
a chi non ha fatto tesoro delle ferite che l’esperienza infligge.
Non può esservi condiscendenza o comprensione per chi reitera errori
e poi vigliaccamente si nasconde incolpando il destino ingrato.
 
Nessuna pietà, tolleranza zero, ma è poi questa la via per diventare uomo?
Riprendo il cammino stancamente, la schiena curva sotto il peso degli errori.
La tristezza che vela ogni mia parola è intolleranza che provo verso me stesso.
Ma sono sereno, tutto sommato. Ho pagato il conto alla cassa e ho buttato il carrello.
 
(immagine da web)

Degli scudieri - un servo, al tempo della pace.

 
 
O mio Signore, dammi la tua lama equa sulle membra dei nemici
che rivolto zolle amiche
e possa rompere le ossa rosse dell’argilla
Ora che calmi, i buoi sono alle pastoie nel tiro:
io sarò il tauro fecondo in ogni crosta.
 
O mio Signore, dammi la tua celata libera di colpi al capo
che porto l’acqua fino ai semi.
Dammi l’acqua che pulisca il sangue
e infervori i germogli.
O mio Signore, occulta nella tua stanchezza l’odio
che le jongleur de geste ne collimi le ferite.
 
O mio Signore, dammi il tuo scudo vuoto di rimbombi al braccio
che ruota in paio sia al tuo carro.
Dammi, per queste piante dei raccolti frutti, il mezzo
che mille assedi ruppero in corsa
e solchi in braccia e gambe produssero al passaggio.
 
Oh!, dammi, Signore, dammi senza tregua
la volontà di pace che mi assilla.
Non più anime erranti dai corpi vuoti e putridi
non più fatica nella messe d’ogni guerra
coi covoni delle morti al pasto delle mosche
non più cavalle fra le erbe vermiglie
non più, Signore, a rammendare ferite!
 
Non più temere il tuo stelo spezzato
e la campana al vespro per un defunto amico.

Vorrei sentirmi

 

Vorrei sentirmi cullare
da un fiore mosso dal vento
coprire di polline il mio corpo
stenderlo al sole aspettando
che venga sfiorato
dalle ali di una farfalla.
                 Lucia Giongrandi

riservata personale

*

d'un secchio
di vento
che il mare
alza la voce

due passi
poi ancora due

infine rifugiarsi
lungo le scapole del molo
cercando l'abbandono

timida
non lo sei mai stata
ma riservata si
come dicembre nell'inverno
che si spoglia e nasconde la mano

*

Crisantemi

Dal cuore d'oro dei fiori escono raggi
sono i petali fiammei al tramonto
dei crisantemi in balcone sbocciati
resistono stupendi all'avvento del buio
accarezzati dai languenti bagliori
nel cielo declinanti prima del viola scuro.

Orfeo

Sul mito divulgato dai sacerdoti agli adepti, dai filosofi e dagli Aedi, com'è d'uopo, si è gettata a pesce, giustificatamente, una moltitudine di adolescenti di ambo i sessi e, un poco meno ingenuamente, di sfaccendati. Intendendosi per questi coloro che, non figurandosi la Nemesi, figlia di Oceano e della Notte, che gli incombe per questo sul capo, preferiscono utilizzare, sulla base di una azzardata generalizzazione della funzione detta di utilità specifica, esclusivamente o approssimativamente la parte sopra al naso a quella sotto senza usare la Memoria.Ognuno di essi, a seconda del tempo a disposizione e della propensione a muoversi, anche ma non solo negli spazi esterni, ha cercato di tirar fuori da Orfeo ciò che più gli aggradava o gli pareva intelligente, per meglio dire ciò che più gli rodeva all'interno. Ben attenti,  il più di essi, a dire o a scrivere solo ciò che si poteva dire o scrivere, e a tenersi per se il resto di quanto letto tra e sopra le righe.Prima di enumerarli e suddividerli per generi sintetizzando il loro pensiero e le loro osservazioni, ritengo però utile postare una premessa che non è assolutamente mia, ma di N. Turchi, ed è tratta dal sito riportato all'inizio del brano .Ciò in quanto il lettore di Rosso Venexiano, si spera, non deve mai dimenticare, nell'adozione della chiave interpretativa del mito, l'intima connessione tra fenomeno religioso, filosofico ed artistico che è all'origine dello stesso. Vale, cioé, di conoscere la Storia. Allora, buona lettura! 

Fonte: http://www.filosofico.net/orfismo.html Leggi tutto »

Anima e Spirito

 

«L’anima si trova a suo agio nelle profonde valli ombrose. Là crescono torbidi e pesanti fiori impregnati di nero. Scorrono come tiepido sciroppo i fiumi, e si riversano in immensi oceani di anima.

«Lo spirito è una terra di picchi alti, bianchi, e di laghi e fiori scintillanti come gioielli. La vita è rarefatta e il suono percorre grandi distanze.

« Esiste una musica d’anima, un cibo d’anima, una danza d’anima e un amore d’anima...

«Quando l’anima trionfò, i pastori vennero alle masserie, perché l’anima è comunitaria e ama l’unisono, il brusio. Ma l’anima creativa anela allo spirito, e viene il giorno in cui dai labirinti delle masserie, i più belli fra i monaci dicono addio ai compagni, e intraprendono il viaggio solitario verso i picchi, per congiungersi là con il cosmo...

Nessuno spirito rimugina sull’elevata desolazione; la desolazione è infatti delle profondità. così come il rimuginare. A queste altezze lo spirito lascia l’anima molto indietro...

«La gente deve scalare la montagna non semplicemente perché essa è lì, ma perché la divinità piena di anima deve essere congiunta allo spirito».

Dalai Lama

opera Antonella Iurilli Duhamel

Esplosione

Notte di Halloween

Notte di Halloween
che divora il giorno
cancellando la luce
e dissolvendo i fantasmi
nati dalla nostra angoscia.
Notte di Halloween,
di streghe e folletti
di mostri e fantasmi,
fantasmi della mente
generati dall’umano egoismo.

Franco

Conversazione nel salotto buono di Manu

Non è che sia sempre stato
scritto il 22/09/2009 alle 08:14

 

Non è che sia sempre stato, questo spazio
così tenuamente sofferto

allacciato

v'erano grigi e piazze, con scalini
palazzi di pietre notturne
artificiali

ci sono stati
ora è azzurro

Autore » © taglioavvenuto

 

leggi qui

 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 4 utenti e 2636 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • live4free
  • gatto
  • Antonio.T.
  • Giuseppe Rongaudio