Blog | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Piazzetta virtuale

 agorà

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • giuseppina lamb...
  • Sandra Pasotti
  • Agri-Alessio
  • sandra bonci
  • Angelika Sarna

Blog

Cassetti

Cassetti dimenticati
esplodono di lettere
foto sbiadite biglietti
ricordi impolverati.
Una vita
in questo cassetto antico
l

Mannara malia

Cosa ti faccio cosa ti faccio
che canta dentro la tua anima
che ulula sulla tua pelle
mi chiedi
è tutta la mia poesia
che allaga le tue vene
è tutto il mio dolore
che germina dal passato
ne insemino le sinfonie di ogni tuo brivido
arranco come un buffone
su tavole schiodate in faccia a bolgia di fiera
suono sistri di follia
mannaro mi racconto al tepore dei tuoi silenzi
è allegria il guadagno
con esso alimenti il mio incanto
è la ribelle e picara
favola di mia vita
che ti brilla come ouverture
lupo ti trascino alla mia tana
mi piace divorarti di insana
malia
freak e marinaia.

Tu non puoi sapere

Image Hosted by ImageShack.us
.
( Sulle note di “Life Circle” di G. Webb)
.
No
tu non puoi sapere
quanto grande ancora sia l’amaro smarrimento
come allora gocciola
sul dono impacchettato coi fogli del tormento.
 
Credi, credi di conoscere l’intensità
degli umidi perché spaiati
come se ad una ad una avessi pesato ogni lacrima versata
come se avessi raccolto nella pozza nera
ogni singolo singhiozzo che straziava l’anima.
 
Ma tu non c’eri
no, non puoi sapere
 
eppure
quando il tuo presente indietro porti
su quell’erba calpestata e strappata al sole
pensi ancora di conoscere
l’esatta pesantezza dei tuoi passi folli.
 
Ora, ora che davanti allo specchio
la tua coscienza incontri
e col tuo sguardo spento
ti ritrovi a rovistare
tra le parole dette e quelle pensate
 
 adesso
adesso che l’inverno ha perso il suo cappotto caldo
e al sole torni
al suo tepore buono
e a quella fionda che l’ha colpito al cuore.
 
No
non puoi sapere
tu non puoi neanche immaginare…
ma adesso è tardi
è troppo tardi, anche solo per pensare.
 
tiziana mignosa
11 2009
 

Sincera

Image Hosted by ImageShack.us
 
Verrà la morte…
Poca luce, troppo fioca
Non combatto
Lei è l’unica ad esser sincera.
 
 
orofiorentino

Sic (pensiero)

Ho il mio splendido finto destriero
tra le gambe e solide le staffe d'oro
reggono il mio corpo pondo pieno
ridondante di tutte le ovvietà vitali
Rigiro nella mente scelti lemmi
incongruentemente letti e appresi
per sfoggiarli in conveniente modo
spesso incomprensibile altrimenti
insignificanti presuntuosamente
criptici spocchiosamente ermetici.
In un volo immensamente lungo
soltanto a quote modeste calme
di vento banalmente quotidiano
sfogliavo sfogliavo comunissime
campiture di esperienze blande
che non servirono mai a farmi grande.
Così sto qui seduto su un bel nulla
in attesa di colei che a cavalcioni
vorrei portare invece d'esser portato
che almeno una cosa rilevante faccia
prima che tutto sia definitivamente stato.
 

Nel tuo respiro ho trovato il mio amore.

 
 
Che suono di calma ha il tuo respiro!
Tanto ritmico che la notte ne danza le note,
lo ascolta e s’incanta ad un racconto di pace.
Non mi muovo.
Trema appena il tuo ventre scoperto
in una sparuta apnea che mostra quanto il cuore ricerchi la vita.
Scuoti appena la morbida spalla che curva tonica sul seno.
Accarezzo due ciocche che allagano il cuscino: chissà se i capelli
sono adatti ad accogliere uno stormo di mani.
Non insisto: c’è tempo per un nuovo orologio di passione
senza che in questo momento interrompa il tuo volo tranquillo
nella tenera tinta del dopo l’amore.
La paura del gesto inconsulto mi fa statua irreale di carne
ed in quest’attimo subisco il graffio della memoria
e mi duole la gioia.
 
Sulle coltri un lenzuolo non basta per due
il letto non accoglie più di un corpo aperto al fresco,
perciò ti sovrapponi alle mie gambe e ne spiazzi il disegno.
Io entro dal fianco dell’ombra
e con somma cautela profilo di sguardi la curva dei fianchi.
Ora schiocchi la bocca.
E il breve pendio del naso ha un fremito neonato.
Non capisco se è terrore o meraviglia; non c’è porta:
dall’esterno non si entra nelle fantasie del sonno.
Resto fuori da te come qualsiasi cosa qua dentro.
 
Vorrei adesso mani di brezza per spandere freschezza
sulla prateria lucida della tua pelle distesa e concava
che trasuda stupore di caldo con una rugiada minuta.

C'era una volta (mia madre)

 come odiavo le tue ansie
ad ogni mio seppur piccolo volo
l'aria sgomenta che mi accoglieva
la stretta spasmodica al rincasare
il tuo silenzio triste
quando dal balcone miravo l'orizzonte
avviandomi non mi trattenevi
e dai vetri un cenno mi mandavi
Ora amo disperatamente
quei tremori non soltanto tuoi
quella presenza che mi dava forza
di andare e sempre ritornare
quei baci profumati di cipria
il contatto stretto caldo
che più non mi consolano.

© Emozioni

Una mente stroppicciata dai pensieri
si accascia sotto i colpi di un turbamento
facendo finta di non soffrire.
Scaglio la prima pietra
per non averla di peso
mentre i ricordi duri come il diamante
si alternano in una giostra di desideri.
Un proiettile trafigge il cuore con amore
mentre la fantasia si scaglia contro la realtà
frantumandola in emozioni.
 
Sergio De Angelis

Domani

se mai, mentre siedo
sul mio miglior sorriso
solo e malinconico
mi chiedessero dove sei
dovrei cercare nel fondo
del mio cuore
una dolce bugia
per non dire che ti amo
ancora sempre.
 

Cose Così (sabbia)

Sei piovuto sulla mia terra
fecondando i pensieri alla mia sabbia
così lontana dall'eco del mare

Le tue pareti scoscese e le mie valli
strette  a pugno di silenzio
esiliato tra le dita

 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 1800 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • ferry