Blog | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Piazzetta virtuale

 agorà

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Nuvola93
  • Paolo Melandri
  • Leopold
  • giuseppina lamb...
  • Sandra Pasotti

Blog

Daniele Vergni e la sua eleganza vagabonda: Di-verso In-verso.

Girotondo dei lombi di donna.

 
 
Un uomo
un uomo
che cos’è un uomo che s’incanta nella follia
del vento?
 
Il vento
il vento
che cos’è il vento che stambecca su terrazze
di rumore?
 
Il rumore
il rumore
che cos’è il rumore che capitombola le platee
dell’orecchio?
 
L’orecchio
l’orecchio
che cos’è l’orecchio che incanala un rivolo
sul volto?
 
Il volto
il volto
che cos’è il volto che assembla un vuoto
nei passeggi?
 
I passi che saltellano aperto cerchio
i passi che scompaiono aperta notte
i passi che scompigliano le volte
i passi fuori da ogni predicato
 
i passi amari della rima cara

Albrecht

La felicità lo raggiungeva quando
(il calamo tra le dita e il foglio
sul tavolo) disegnava.

Non copiava ciò che vedeva: lo disegnava.
La lepre, certo, e il rinoceronte
e le mani della madre.

Mentre guardo il mondo
il mio occhio si prolunga
braccio e mano e calamo e linea sul
foglio: verranno poi
l'acquerello oppure
l'incisione o la pittura ad olio.

La luce del Nord s'impiglia
su cuspidi di torri e granai -
e la memoria vede la luce dalmatica
salire avvolgente le cupole di San Marco.

È tempo dunque
di un altro viaggio.

Lo sguardo si spinge
fino a Venezia.

monologo di Afrodite (for James Turrell)

L'altro mio nome è φως luce -

 

era ancora un bimbo e lo sorpresi
mi feci freccia scoccata fino ai suoi occhi
dal mare e poi sabbia e canneto fino a
la latomìa entrai vi entrai
irruppi nel buio della sua mente
vi apersi fessure flegree fuoco feroce
d'amore e cratere di circolare stupefazione
εκ μου το φως
 
era ancora un bimbo e vide
lame d'aurora
gli pitturai il rosso della sapienza
sulla faccia e nello sguardo
ruppi l'ostinato cordame che
gli legava i pensieri
 
from me was the light coming
come albeggiando
 
ed egli s'innamorò
con l'olfatto vide le faglie intrise d'aglio selvatico
vide con le mani l'argilla amaranto del vasaio
con l'udito vide il vento mentre danza
sulle mura crestate del fragore
vide con la lingua l'ordine salato delle cose:
 
siccome abito anche nel fulmine
lo sedussi al λογος
un ιχθύς alato ventaglio di luce scavalcò l'orlo
della scrittura
e ne festeggiò il nome: του Πλάτωνος”.

Intimo

Ti donerò qualcosa di mio
di intimo
col profumo della mia pelle
e della mia rosa
di pizzo nero trasparente
elegante
ti farà sognare
quando la prenderai tra le mani
e sentirai quell’odore
inconfondibile inebriante
così come è rimasto nel tuo ricordo
e con gli occhi chiusi
mi avrai ancora
tra le braccia sulla pelle
e mi amerai
con l’ardore di quella notte
col calore che da sempre sognavi.

Notturno Chopin

 

La luna del Caribe scivola
dal mare al cielo
tra onde che spumano i crateri
e donne che aspettano gli amori.

Ma il violino della scogliera
suona Chopin
e la ragazza dei castelli di sabbia
accarezza le corde
nella penombra di una palma.

La luna del Caribe
spia le gambe della suonatrice di violino
mentre dalla bocca della donna
esce un sospiro
a spaventare l’iguana prigioniera delle spine.

Ed è un notturno di Chopin
che mi accarezza gli occhi
in questo strano sogno
dove anche i granchi
danzano sotto la luna del Caribe
mentre guardo la figura che suona
il violino
nella notte delle stelle incappucciate
e forse mi sorride.

Lenzuola nere di seta nera

una lama di luce sghemba riflette
il bianco marmoreo del tuo corpo
mentre ti rotoli nel nero del giaciglio
pigramente spettino anelli di fumo

il sopore mi assale, membra ottuse
scivolano lente nel profondo del nero
lenzuola come  nere ali di pipistrello
dirigono la mia discesa nel fondo

ondeggia la barca, è troppo il fardello
Caronte pretende doppia mercede
il viaggio è terminato il ritorno è dolore
scorre sul nero la mano incontro al nulla
 

Ciottoli e pensieri

Ciottoli e pensieri.

Me ne vado camminando piano
per vie di ciottoli e pensieri
e le case sono morbide risposte
per l'aria che va inquieta.
Siamo soliti compagni
sullo scivolo del giorno
e mano nella mano
viviamo dello stesso stupore.

Corsa finale.

Se con sorriso incantato ti guardo
oggi
ti sei mai domandato il perché?
Forse un giorno non lontano
ma nemmeno vicino
qualcuno mi tenne
con catena allentata appena
sì, mi teneva poi per mano e io...
non più orecchie
non più occhi
né gambe svelte
o soluzioni.
Avevo il respiro
un gomitolo nel suo affanno
forte, però, di intenzione.
Con quello amico
son tornate a fluire le parole
e gli occhi han brillato
le orecchie ascoltato
e le gambe, ultime, in corsa finale.

L'appuntamento

Sono arrivato sul posto, almeno un'ora prima. Irrequieto dal giorno precedente, quando ci siamo dati l'appuntamento. E' una giornata, ventosa di libeccio, pare, qui sul lungomare. Non c'è quasi nessuno, forse non è l'ora. Guardo alternativamente le direzioni del viale, non so da che parte arriverà, poi.... Una figura femminile. Non so davvero chi sia lei, come sarà e questo sembiante leggero che s'avanza, potrebbe .... Elegante, semplicemente: una giacca a vento scura col bavero alzato per via del vento, una gonna di chachemere color verde salvia, calze di seta fumè, scarpe nere con tacco alto. Ha un'aria volutamente indifferente ma guarda sicuramente verso me. Sorride da lontano, seppur non è quella della fotografia, è lei. Vorrei mettermi a correre ad abbracciarla, invece ci avviciniamo e recitiamo un approccio assolutamente normale, casuale, con tanto di sorpresa per l'occasione. Mi tremano le mani e la voce, con assoluta felicità, registro la sua emozione ed imbarazzo, dolcissimamente dissimulato dal sorriso. Ha due occhi verdegrigiotopazio, infiniti, e la figura deliziosa, formosa, ora che mi è vicina. Ci stringiamo la mano, io spero di tenerla un anno, e azzardiamo un timido formale reciproco bacio di saluto sulle guance. Non escono le parole, balbettii sul tempo, la salute, l'ora e il traffico, mentre iniziamo a passeggiare. La urto di continuo nel camminare, voglio "sentirla", voglio verificare se lei che è qui, ha gli attributi di quella virtuale, quella che sogno. Ci sfioriamo la mano e ce la stringiamo un attimo per subito lasciarla e guardarsi attorno. Senz'altro porre in mezzo, sempre sottovoce parlando di quanto e cosa ci siamo detti al tempo, mi guida verso il vialetto che conduce ad uno stabilimento balneare palesemente chiuso, fuori stagione. Leggi tutto »

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 2037 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • woodenship
  • Antonio.T.