Blog | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Piazzetta virtuale

 agorà

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • giuseppina lamb...
  • Sandra Pasotti
  • Agri-Alessio
  • sandra bonci
  • Angelika Sarna

Blog

I NOSTRI PASSI, LOBOTOMIA

E si poetava nella gabbia
di plastica e cemento
nei sorrisi sporchi
dei despoti di amianto
e ci parlò la rabbia
con la sua bocca amaranto
quando pensare fu messo fuorilegge.
Ci diedero un futuro niente male
protetto da segreto industriale
nei liberi mercati
di monopoli legalizzati
lustravi scarpe
pronte a colpire il tuo culo
una volta e ancora una volta.
Comprammo le nostre scelte
con carte prepagate
tra "ti amo" tossici
ad aziende imparruccate. Leggi tutto »

Ed io continuo a chiamarti Amore

Ed io continuo a chiamarti Amore
Tra le pieghe ombrose del nostro tempo
Che giace immobile a sottolineare
L’altezza del volo scosceso
Ed io continuo a chiamarti Amore
Nell’inchiostro smarrito su ingialliti fogli
Un dì lo scrissi sulla pietra di un altare
Che giace immobile a sottolineare
Che io continuo a chiamarti Amore!

Album

Danila ringrazia dei commenti ricevuti e Maria vi aggiunge una sua poesia:

Album

Fluttua il tuo sguardo d’erba
sulle mie mani
che frugano illusioni.
rovistando
fra scampoli di gioia.

Tralci di vite
e secchiate di arance,
rosse come il mio sangue,
raccontano la storia
di capelli scomposti
e di colline ombrose.

Il cuore era arrogante
nei tempi delle giovani gazzelle
e dei vani dolori.

Ora non più.
Raccoglie le sue uve mature,
le assapora in silenzio, Leggi tutto »

Eccomi qui... in ricordo di un caro vecchio amico.

Erano lì le impronte del passato... erano lì sulla sabbia bagnata... di quel mare che rigenera dando vita a una nuova tela per nuove impronte, quelle del futuro... Evi

Un pomeriggio nero

stampa-biglietti-bus
 
 
 
 
 
by web


Che c'è di più reale della raccolta
dei biglietti usati dell'autobus?
Non servono a nulla, certo non hanno
alcun valore, sempre però quando
mi sento sola, sono per essere

gente di mare

Dalla non è un cantante è un consiglio

Non arriveremo mai

Mi salpa un'idea, non aprire quella bocca
poteva essere il mio momento, giusto un attimo
forse prendere un treno per averti mio, sarebbe.
 
Un diadema ti avrei regalato se non fossi traviato
estate dei miei occhi, mi salverai prima o poi
quest'imbuto stretto mi risucchia e languono le idee
devastatrice dea dei sensi domani sarai ancora tale?
Destinazione notte e dì, lasciami così senza parlare
inutilmente decidimi tuo dalle strette tue labbra.

Coi sogni

 

 

 

e come un sorriderti

quel venirti accanto

lì nel tepore nostro Leggi tutto »

La signorina Sempre NO

mete infinite

Ho voluto correre per le mie mete,
la felicità di arrivare in quelle corse
dove un treno muove paesaggi
nella sua velocità.
Ho travolto scansando pensieri che volevano
parlarmi,senza essere ascoltati,
mi chiedevo sempre se quelle parole del
Leopardi fossero dedicate a me.
La solitudine è una lente d’ingrandimento,
Se sei solo e stai bene ,stai benissimo
Se sei solo e stai male,stai malissimo.
Quando per un non nulla ti fermi poi…
ti accorgi di ciò che quel treno ha lasciato
senza che sia stato visto, Leggi tutto »

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 2128 visitatori collegati.