AnonimoRosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • giuseppina lamb...
  • Sandra Pasotti
  • Agri-Alessio
  • sandra bonci
  • Angelika Sarna

blog di ferdinandocelinio

La Grande Assurda Poiana

Rassettare il dolore in una sfatta credenza
con alla gola la fiammata dei secoli

Con la poesia

È più d’uno sciamare
questo volo di minuti
s’innalza e invade
e la vita che per un attimo

Canto dell'autodistruzione

Sto costruendomi la morte
a passetti brevi,
con ansia patogena,
corroborante zelo.
Per me ogni accenno del pomeriggio

Il giorno del mio compleanno

La stanca voce come una chitarra

La stanca voce come una chitarra
mi dice di fare piano nella vita.
“Equilibrio! Ci vuole equilibrio!”

La gente del pomeriggio

Si fermano sotto una plumbea fermata di autobus,
gli uomini del pomeriggio, con un desiderio taciuto

È una follia graziosa questo pandemonico raccontarsi

È una follia graziosa questo raccontarsi ogni giorno,
questo spandere lievemente semi di atrocità
sulle pagine del nulla.

Questa voglia di tornare nella felicità

Scorre come una vergogna
questa voglia di tornare nella felicità
come le tremule gambe del sifilitico
questo volere fuggire

Con un'inutile linea di trucco sfatta dal pianto

Con una  inutile linea di trucco sfatta dal pianto
la madre cura le sue piante,
ma non c’è malinconia nei suoi pensieri,

Canto dell'angoscia

Sorretto da una strana angoscia demente,
da una malattia impulsiva; un cavillo, un capello,
l’istante prima di nascere, la resa prima di morire

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 3 utenti e 1804 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Bowil
  • live4free
  • ferry