AnonimoRosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Agatha
  • Giovanni Rossato
  • PIERO COLONNA-ROMANO
  • Nuvola93
  • Paolo Melandri

blog di live4free

Resto qui

Mi raggiunge
l’eco seducente dei ricordi miei.
Scorci di vita sorseggiata, ricambiata.
Intrecciata
con sapienza e determinazione.
Voli  interminabili,
sincronici, talvolta alternati,
ma senza mai muoversi da qui.
Giochi di bambini, rincorse, cadute,
mai notturni
eppure rallegrati da bolle di luna.
Mi perdo, adesso,nel profondo blu.
Vedo appese, immobili
le incertezze mie.
Annienta l’anima guardarle!
Ma passa un solo istante
e già sento ciò che sempre si fa avanti.
Fiammella, nascosta nel fondo dell’animo,
mai spenta,
prende forma al pensiero di te…
cresce, avvolge, rincuora.
Spazza via orgoglio e dispiacere.
Eccomi.
Brucerò ancora
tra le fiamme del sentimento mio!

Mentre aspetto che ritorni

 
Confondo gli animi, tratteggio i pensieri.
Non dico. Non chiedo.
Ti credo, mi sembra. Ti aspetto lo stesso.
Ti cerco, ti voglio, si fa il fiato corto.
Poi arriva il tuo sguardo.
Mi brucia.
Mi abbraccia.
Mi riempie, mi sazia.
Consola e sconvolge.
Vorrei non finisse.
Ma arriva il momento. Riprendi il cammino.
Rivivo d’attesa. Il ritorno è vicino.

Amore

 
Purezza, innocenza
nello sguardo severo d' un bambino.
Desiderio, tenerezza
nel cuore d'un innamorato.
Unione totale, affetto, sostegno
nella mano d'un amico.
Passione, attrazione
nel tocco d'un amante.
Dedizione viscerale
nella carezza d'una madre.
Ovunque è amore...
Quando l'animo tutto ne è pervaso
gli occhi non vedono altro...
 

Valium

 
Gocce di valium
i tuoi giorni di assenza.
Annebbiano la vista.
Stordiscono i pensieri.
Placano l'impeto tumultuoso

...'na scarda 'e stella!

Camminavo pè ‘na via che nun era manco a mia
m’ero persa, sò sicura, tutto a nu tratto ‘nnanze me truvaje nu muro.
Me fermaje, attuorno me vuardaje
p’a disperazione l’uocchie ‘ncielo aizzaje
e che m’è succiess! Vuie nun putite manco immaginà!
…’na scarda ‘e stella me carette ‘nzino… a me!
J’ steve chiena ‘e paura…che aveva fa?
Ma manco pè nu secondo pensaje che me putevo abbrucià!
D’istinto aizzaje ‘e braccia e m’a strignette ‘mpiette,
chiurette l’uocchie e pe chill’abbraccio
j’ ‘lle dicette tutto cosa…le detti tutto chelle che le potevo dà…
Mò…si v’o dico vuie nun ce cridete…
N’anno è passato… e chella sta ancora ccà!
Vuie m’o sapite dicere mò, una comme me
che ce po’ fa pe ‘na cosa accussì bella…
‘nu splendore che nun s’è visto mai?!
…’na stella…vuie capite?!
E dice pure che nun se move ‘a ‘ccà, che vicino a me vò stà!
Ma io che pozzo fa, se me piglio paura pure d’a tuccà!
…che si chella si spaventa e se ne fuje…
io me ne moro…comme campo cchiù?!
E allora ‘a tengo ‘ccà…
Le dico ‘e parole ‘cchiù dòce che me detta ‘o core
...'a guardo...e me 'nnamore...

Sei come l'onde

Onda del mare
operosa, volenterosa,
in perenne movimento
lambisce la riva di sabbia e scogli,
come un innamorato amante…
con impeto passionale talvolta,
con indicibile premura, altre.
Fossi io…
Fossi io quel sassolino
scardinato dallo scoglio,
inghiottito nel silenzio profondo
docilmente accompagnato a riva dall’onda gentile.
Fossi io quel sassolino
levigato, custodito
dalla salata, avvolgente mano,
Fossi io quello…
destinato a cullarsi in quel moto eterno
fossi io…
prescelta per godere della perpetua tua carezza.

Mi sollevi

 

Squarci fragorosi nell’aria attorno a me.
Vortici violenti
di gelo e aghi di pianto
mi risucchiano.
La mente ormai densa
scivola nella sua danza vorticosa
ingoiata dal gorgo,
nel ricordo.
Ma esiste l’appiglio
ed io lo so…
Saldo è l’intreccio delle mani
puro l’intento
sicura la strada.
La tua, la mia
ma l’uno accanto all’altro,
comunque.

Nulla è per caso

 

Incontri.

 
Intrecci di vita, di storie diverse.
Come trame di fili sottili
abilmente intessuti
sovrapposti, accostati, poi di nuovo distanziati.
Ad arte orditi
nel compimento
d’un preciso disegno.
 

 

La voce tua

Fra tutte io la riconosco.
 
E’ onesta, la voce tua
mi fido di lei
anche quando è severa,
anche quando mi mente.
Mi attrae da sempre.
E’ suadente
convince i miei occhi a guardare oltre.
Mi tiene per mano, la voce tua
ma non mi guida,
non mi indica la strada,
mi accompagna, invece
nel mio cammino
mentre vado a casa.

Artigiana d'amore

Intaglio i miei pensieri intorno a te.
Mi insegno pazienza e precisione.
Ridipingo di continuo le mie idee.
Scolpisco l’aria prima che la respiri tu.
Canto la parole che toccano il tuo cuore.
Coltivo la sincerità che tu mi chiedi.
Ogni mio talento impiego
per renderne un dono a te.
Paga d’un tuo solo pensiero mi rinfranco
e ritrovo le forze per reinventarmi domani.
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 1520 visitatori collegati.