AnonimoRosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Filippo Minacapilli
  • sentinelladellanotte
  • Roberto Farroni
  • sergio de prophetis
  • Lucia Lanza

blog di Ospite di Rosso Venexiano

Eclissi - ©Paola Maria Leonardi

Ritrovarsi fantasmi

in  chiaroscuri lunari.

Scorre questa notte

fra angeli respinti

e diavoli in carne e ossa

Flashes sbiaditi,

faticano a ricomporsi

nella memoria del tempo.

Promesse scolorite,

perse nel vento,

sorrisi appena abbozzati

L'eclissi

copre ogni cosa.

Spisiddha ru' to' ranu © Roberto Pirrello

Spisiddha ru' to' ranu

chi pigghia focu e bbampa

 

su' ...

 

fogghia i pagghia sicca

ddumata chi to' baci

 

L'ardenti t'occhi avanzi

ch' dannu focu a braci

Lamento sul Corno d’Africa ©Maria Savasta

Non ho visto il tuo pianto.

L’ho cercato nei figli del dolore

vaganti vuote orbite 

nei tuoi sbrici deserti

Pastore, mio pastore

cercavano fresche acque

e calpestan

lacrimato sale

Non ho visto il tuo cuore

fra affamati

d’erbosi pascoli

che derelitti 

Uccidono le lacrime - ©LidiaPeritore

Uccidono  le lacrime,

di tanti, tanti giorni

che possono

inondando

sommergere anche il mondo!

 

Uccidono sul nascere 

nemmeno te ne accorgi

e chi te le fa spargere 

uccide,

ad ogni costo!  

 

Può distruggere l'anima 

Giacomo Leopardi -A se stesso

 Or poserai per sempre, 
      Stanco mio cor. Perì l'inganno estremo, 
      Ch'eterno io mi credei. Perì. Ben sento, 
      In noi di cari inganni, 

Onofrio - La banda

“Ma la salti la buca?”
Il tono ultimativo con cui mi veniva rivolta la domanda lasciava chiaramente intendere quanto sarebbe stato determinante il risultato della prova per entrare a far parte della banda.

Maurizio Lauriani - Con le dita del presente

Ho chiuso l'ultima voce
nei ricordi di un cassetto
lasciando l'eco di un respiro.
-
Adesso finalmente adesso
non sento più niente
aspetto semplicemente l'aspetto
come in un gesso stretto.
-
L'amore gioca a nascondino
ed io perennemente conto
numeri su distratti percorsi.

Daniela Micheli - Potesse la parola

Potesse la parola sollevare
dall’angoscia che s’attacca
come bava, fastidio e rabbia
sorda, un urlo silenzioso all’indifferenza
che ferisce. La teoria consueta: uomini,
donne, bambini: carne da macello, cui un dio
folle ha tolto l'illusione di vivere in nome
di se stesso. Ed io - donna e madre - non so

Pablo Neruda - La frontera/La frontiera

365 storie-il buono a nulla di Lucia Volpi - legge: Sabrina

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 2833 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Catilina
  • luccardin