AnonimoRosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Artemisia
  • Filo Bacco
  • Marco Galvagni
  • Giuseppina Di Noia
  • dante bellanima

blog di Sara Cristofori

Anonimo americano (sec. XIX)

Come dire meglio che in questo "negro-spiritual" lo strazio per la perdita di un figlio, una piccola creatura chiamata lassù dal suo Dio?
(G. Davico Bonino)
 
I funerali del bambino
 
Il piccolo risale in cielo
da cui era venuto...

Anonimo francese (sec. XVI)

Il giardino in cui la giovane amata si isola e si rinserra (o, talvolta, in cui viene reclusa), il fiore (spesso, la rosa) che viene colà dall'amato colto sono, nella lirica medievale, simboli ricorrenti dell'innamoramento da un lato, e dell'intimità amorosa dall'altro.
(G. Davico Bonino)
 

Anonimo armeno

La poesia armena è ricca degli influssi che i popoli invasori - persiani, ottomani, mongoli, tartari - vi hanno attraverso i secoli depositato. Ma la lirica amorosa gode, in quest'affollata produzione, di una sua autonoma freschezza. Il motivo del mantello da cucire ad ogni costo per proteggere l'amata ne è una conferma.
(G. Davico Bonino)

Anonimo malgascio

Anonimo italiano (sec. XVI)

Nessuno può immaginare quanto sbrigliata sia la fantasia degli amanti nell'instaurare immediate analogie tra oggetti della vita reale e altri oggetti o comportamenti. Lascio a voi intuire a cosa corrispondano il giardino, le rose, le ciliegie di questa lirica anonima e "popolareggiante".
(G. Davico Bonino)
 

Anonimo amazzone

Le numerose credenze che ancor oggi aleggiano sullo sconfinato territorio amazzonico (qualcosa come sei milioni di chilometri quadrati) non rendono giustizia alla produzione letteraria dei suoi abitanti, assai più sofisticata di quanto si possa credere. Valga ad esempio questo gioiello di lirica amorosa.
(G. Davico Bonino)
 

Anonimo americano (sec. XIX)

Anonimo giapponese - Il tormento dell'assenza

 
L'insonnia per amore l'abbiamo provata tutti. Ma la genialità dell'anonimo poeta è d'averla collegata ad un piccolo, inconsueto fenomeno della vita circostante.
(G. Davico Bonino)
 
Il tormento dell'assenza
 
All'aurora

Anonimo mongolo

Sembra che a parlare in quest'appassionata poesia d'amore sia l'eroina d'una tragedia greca antica, tanto il registro è elevato ed i toni sono estremi. Invece è una donna della Mongolia, che non a caso invoca - a tutela della sua condizione disperante - le presenze naturali del Pantheon sciamanico di questo popolo.
(G. Davico Bonino)
 

Anonimo francese (sec. XIII-XIV)

L'amor di terra lontana - cioè, l'amore per una persona di un paese "altro" dal proprio - è un tema che sta alla base della moderna lirica occidentale. Ma non è solo un motivo letterario: a volte è lo scotto d'una scelta di vita, come sanno molti giovani d'oggi.
(G. Davico Bonino)
 
L'amore per lo straniero

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 8 utenti e 2042 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Antonio.T.
  • woodenship
  • Ezio Falcomer
  • Bowil
  • live4free
  • Salvatore Pintus
  • Sara Cristofori
  • ferdinandocelinio