Lingua italiana | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Lingua italiana

basso alterno

è una supplica: la pellicola sotto le barche
 
dei pescatori. Gli segna la faccia. l’olezzo del pesce;
il labbro inferiore ancora umido della
frutta amara. che hanno masticato, per il senso
scarso del peso
 

adiacenti

con-versare è con tutto ciò versare assieme
che può voler dire: si versifica; ma questo
cadrebbe già nell’idea di tutti. Invece
credo stia in qualcos’altro, il senso/salvezza di
questi giorni d’agape domestica; se fosse intelligibile: i leitmotiv

in occasione

già che
una moltitudine. di accordi
minori; e di intervalli: rondini. A questo
scopo servono;  pochi caratteri
su un pezzo di marmo/circostanza. Uno stato
d’animo;  passeggero. Dovrebbe puntare a qualcosa. Laggiù. In fine
si sono fatte un po’ di riflessioni giuste

Il Ghetto

Nella Venezia sconosciuta incontro ciò che più solletica la mia curiosità, il ghetto ebraico. Leggi tutto »

Dedicato

Aerei  bianchi e lucenti spiccano il volo leggeri come uccelli migratori. Con il mento in alto quasi a sfidare il mondo oltre il cielo, gravidi di vite diverse per provenienza ed età , si fanno notare per il rombo dei motori potenti.Ogni  volta alzo lo sguardo con gioia , invidiosa della loro meta e il cuore vola in alto per un attimo , quasi ad accompagnare un sogno che mi fa vivere. 

diapason

ho amato la casa sul ciglio della scogliera.

25 aprile. Lettere dei condannati a morte della resistenza

 
Giancarlo Puecher Passavalli, 20 anni, fucilato nel dicembre 1943
 

le consoles

a ferdinando
 
c’è una disamina per la grazia: come dal seme
alla pianticella; venuta per le mani
di chi sa del beneficio/goccia attinta. dal suo
spartito. Che, a che serve, se non a essudarne; almeno una
 
e deve sembrare quella stessa grazia

6- Bianche

Bianche, vorrei delle calze bianche

e reggicalze neri sui lembi di cristallo.

delle semilune, e i rossi degli smalti degli anemoni.

un caschetto, un collo arcuatamente nudo

ed il sorriso lacero di chi mi ha reso salvificamente porco

 

La scelta

Se ti avessi detto come mi sentivo
Avrei spezzato il tuo sogno
Il desiderio di ritrovarci ancora insieme
Annullando il passato
Pronti a guardare avanti , finalmente
Con un sorriso vero
Quello di chi sa cosa vuol dire rinunciare a sé 
Per realizzare l'altrui 
Se ti avessi raccontato del mio dentro
Avrei spento la luce nei tuoi occhi 
Nel gioco di una vita rinnovata Leggi tutto »

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 4770 visitatori collegati.