dialetto | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

dialetto

Sta notte 'e tempesta

 
 
’Sta notte ’e tempesta
mantene scetato ’stu core,

La pumeta (l'aquilone)

Certi voti vulia vulava comu na pumeta
azarmi chiano intra allu vientu
lu chiaru di la sabbia lu verdi di lu mari
taccatu a na zocaredda

La cuccuvascia ( la civetta)

La cuccuvascia intra lu huertu
chiangi ci ancora non è muertu
 
Ancora luci nu picca

Turne' na vote

Guardaàje citte a notte ,nivre
u vent pàrete ch'è spiccète
nun s'arròbbete cchiù

Er suggerimento de DIO

Er suggerimento de DIO
di Ernesto Rivabene
 
Quanno te se smorza la luce della speranza,
e te se intorcinano le interiora della panza.

Er cionnolo der Re

Er cionnolo der Re

di Ernesto Rivabene
 
Venne er tempo de trovà un nuovo re giovine e gaijardo

Du diti

Du diti
di Ernesto Rivabene
 
Du diti passeggiavano sull’acqua, così senza fa gniente
como se fosse normale,  tra la gente

El spàrezo ( da L'asparago di Lorenzo Bacco)

El spàrezo  ( traduzione di L'asparago di Lorenzo Bacco in venexiano di garbo)

Sto qua xe el tempo de l'erba selvàdega,

Quànd na mamm chiàgn

...
 
Quand na mamm chiàgn
N’ng o fa v’dè
Chiàgn da sol

Vertigine

 
Vertigine
 
Inferni, jeva, me, te
du ‘nferni
e ‘n mezz la vita.
C’am sbaieva;
ognun e steva

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 2016 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • gennycaiazzo
  • Grazia Denaro