dialetto | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

dialetto

Piglieme mbraccio

Piglieme mbraccio

Quann'ero piccerella m'hê mparato a cammenà;
mo ca te sì ffatta vecchia songh'i' a tte purtà.

Settembre

Nun appena settembre schiara e ppasce
na miccia int'â ll'uocchie mme nasce.

Comme palomma ca 'e sscelle s'abbrucia,

I re di Napoli

D_2UieMXoAAJE1x.jpg
Tenive 'o mare dint a chill' uocchie azzurri
e dint 'o core
tanto che te sbatteva l' onda da passione

Pasta e ffasule

Pe cucenà 'e fasule comm'a Ddio cumanna, 
s'ha dda tenè nu poco vascia 'a fiamma.
Appriparate a pparte 'a nzogna tagliata fine: 

'O munno d' 'e ccriature

Quando una donna desidera tanto un figlio e si domanda: "perché io no?"
 
'O munno d' 'e ccriature

Oh musa, musa... Barbara musa!

Ocannu puru intendo Mamujada
in chirca de bullitzare cantadore
e collo, e gai l’imbasto imbassiada
ma non m’essit incuntza de valore. 

'O sole

'O sole 'e matina, quanno è 'na bbella jurnata, 
se mette fucuso mmiezo 'e mmuntagne affacciato.
 

'O ffuoco

'O ffuoco
 
Fuoco ca m'appicce quanno passe 
me strapazze, arde e me cunfuorte,

'O culo e 'o cereviello

'O culo rivulgennese 'o cereviello
ll'addimannaje: "ma che tenite 'e bello?"
Vuje c'avite scritto, liggiuto e studiato

Si na parola d'ammore

Si na parola d'ammore
nu pizzico 'e bene
venesso a purtà
a stu core ca more
ncap'a nu mumento
ripigliasse sta vita culore!

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 2017 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Salvatore Pintus