erotismo V.M. 18 | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

erotismo V.M. 18

Vetrine a dicembre

Un pomeriggio di dicembre, una piccola città, la pioggia che bagna i marciapiedi tristi.
     Vetrine illuminate, vetrine annoiate, come me che passeggio tra queste vie e non le guardo più...
     Vetrine che sono cambiate, negozi che sono scomparsi, chiusi.

Non solo caffè

Danza mattutina

Ghiaccio

(Diari) In te

in te
Se nei tuoi spasmi e rivoli
incandescenti io mi perdo
ove mi nutro del tuo donarti.
 
Non lingua a donar solo parole.
 

Offendimi...offendimi se ti va
ciò comunque non mi fermerò...

e del tuo nettare io...ora
continuerò a saziarmi!!!

Possessione di te... ©Aaron DE Filippis

Non ce la faccio piu 
sono uno straccio 
ma stanotte e una vera possessione
le tua labbra rosse scarlatte
mi fanno impazzire sento
una musica in testa 
e sempre la stessa ora...ora...ora 
ti voglio davanti a me 

Chat

 Chat, senza la quale non resisterei, la sera

la pulsione di un bottone, un asindeto

un va o non va chissenefrega. Tanto fare lo scemo qua, o là

cosa mi costa.

Là, mi vedono, là una birra rossa belga può costare fino a 9,30, diciottoesessanta se si ferma, la cretina.

si raccomanda di pubblicare uno, max due post non consecutivi

questo per dare a tutti lo stesso spazio in home del sito, mentre per quanto riguarda il numero di commenti ai post degli altri, non c'è limite laugh
 
pensieri, aforismi, dibattiti e tutto ciò che non è poesia o prosa, vanno pubblicati in Agorà
 
grazie per la collaborazione
direzione

19- Fonte

Fammi percorrere il tuo sesso
giungere fino al centro della sua fonte
Senti la possente presenza
trasformarsi nel folle gusto del desiderio
Gocce a placarne l'arsura
fluendo attraverso la tua passione
Che urli, graffi, mordi ai morsi,
plachi, lenisci, baci nei baci,
dolce animale sconvolgente

17- Guardami

Guardami,
guardami nell'affondo del tuo sguardo,
accarezzandone l'anima appresso l'iride colorato.
La tocco, mi circonda, la sfioro, si piega, ondeggia,
suona come pelle di tamburo battuta in percussione.
Vibrazione della passione che si propaga,
scende fino al ventre, sussulta,

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 1833 visitatori collegati.