Poesia | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Poesia

Città morte

Parlo delle città mute
quelle morte
specchio di vicoli e miserie
perlopiù
qua e là ricche di pietra e fiori.
Le città morte
di anno in anno
fioriscono d'ipocrisia
e pochi resistono al rito.
Eppure la pietra
resta lì
secolare, un po' spaurita
a cercarsi il silenzio consueto
a consumare lo spazio
e cresce.
Sono città forti quelle morte
sanno reggere la debolezza
nutrite a lacrime e nostalgia
sfidano la natura
e vincono.
E la terra altro non può
che soccombere al cemento.

E per te un fiore di girasole

Ho raccolto un girasole da un campo del color dell’oro,
l’ho preso per te, che come questo fiore solare
sei allegria scanzonata, gioia di vivere, un capolavoro;
tutto quello che un uomo vorrebbe per se… per volare.
 
Sto in mezzo al campo, vento nei capelli, girasoli intorno;
ho imparato che vivono della forza che il sole produce
e, fedeli e tenaci, ne seguono i raggi durante tutto il giorno,
con un messaggio, una lezione di vita: segui sempre la luce.
 
Per sè non chiede nulla e sopporta il rigore d’inverno;
quel girasole, che solo ama la luce, è sentinella d’estate,
come il sorriso tuo, che scalda l’anima e nei tuoi occhi è eterno.
Un fiore e un sorriso: una luce profonda, due vite legate.
 
Ma come ho colto l’inconfondibile fiore, docile fra tanti,
non ho preso te, unico fiore, luce radiosa di tante aiuole;
presenza ineluttabile, sebbene solo per pochi istanti.
A te, per un tuo indimenticabile sorriso, dono questo girasole.
 
        

Anime

Anime nude,
come case bruciate
ed in fretta abbandonate.
Di brace e di fuoco
é fatto il loro cammino,
di cancelli chiusi
e di porte sbarrate.
Finché,
una scintilla portata dal vento
si posa su di un’altra anima
incendiandola.
…allora
l’incendio non potrà
più essere domato. 

Amplesso

Viene su il tramonto che
persi i chiarori i colori del giorno
si spande di carminio e giallo
fa esplodere un arancio infuocato
e mi invita al torpore del riposo
verso la notte.
Tu mi copri d’un lenzuolo
di quel colore, di seta leggera
come un refolo d’aria estiva.
Mi baci le caviglie le cosce
i glutei contratti dal piacere
la schiena le spalle e ti lasci
su me dandomi il tepore del corpo.
Mi parli dolce all’orecchio
e i capelli sciolti lunghi setosi
mi accarezzano il viso
e vado in deliquio
dietro il tuo sorriso.
 

Sarò te e tu me

Quando ci prendevamo
anche in modo spiccio
in preda alla voglia di
sentirci dentro uno all’altro
e in un lampo fulmineo
tutta l’energia liquefaceva e
sorridevamo col fiato grosso
io ti leccavo il collo
e tu la fronte imperlata.
Se dicono non può bastare
vivere così per sempre
io che ti voglio tu mi vuoi
il mondo vada a farsi fottere
e baciamoci ancora a lungo
che sarò te e tu me, ancora.
 
 

Le mie creature

Le mie creature le ho messe in vetrina
modeste alcune altre meno e
tutte contengono un po’ di me.
Stanno sul banco virtuale
alla rinfusa neppure sole e vento
con poco interesse rovistate
da chi cerca molto e altro ancora
anche tra tomi ambiti per l’età residui
prose poesie d’altre realtà invendute
giacenti comunque nella teca
nel silenzio e nel clamore che li annega.
Non cerco mi si dica
tu sei bravo ne com’è bello il tuo verso
solo una carezza con gli occhi hai da lasciare
e un cenno si, per affinità
compreso dalla vena mia.
E poi vai non mi cale dove
io cerco di me piccole prove
nel tuo cuore nel suo o altrove
m’è essenziale sapere che ci sono
ad altri lasciare qualche dono.
 

Libellule

Non scriverò più il tuo nome
sulla sabbia rovente
il vento l’ha già portato via
Le mie parole non dette
rimaste sospese su un albero
spoglio
povere foglie inanimate
senza più sorrisi
e vanno
vanno a disperdersi
dove muoiono le libellule
crocifisse senza colpa

ad ali spiegate

Da sempre inespresso

Lirica di Vittorio Fioravanti

Nell'intreccio umido scuro dei rami
il sole è una grossa tiepida macchia
che s'allarga sull'orizzonte spento
espandendosi rossa

Dietro boschi di pini
chiusi come bande d'armati
scende l'alito inumano del vento
ma il gelo non può carpirmi dentro
la brace povera dell'emozione

Nell'anfratto più oscuro e contorto
c'è un io che si strugge
come un dio commosso
in un lamento delirio muto
da sempre inespresso

Non mi so leggere fino in fondo
oltre le pagine aperte della vita
nello schiudersi d'una persiana
l'eco d'un riso
d'una parola sfuggita
il rimpianto in uno sguardo incrociato
nel buio appena acceso da un lampo

Non so vaneggiamenti onirici
né indecifrabili ermetismi
fuggo dal termine raro
che non oso pronunciare

Resto
in quel gesto lento di marcia
la cadenza dolorosa d'un passo
ripetuto nel tempo
quello stesso passo vissuto
e rivissuto ancora
per un'ultima estrema volta

Ulm, 19 dicembre 1988

E poi d’improvviso mi ritiro e mi sciupo/ and then I suddenly withdraw and get worn out/

"e poi d’improvviso mi ritiro e mi sciupo
e mi attacco al catafalco
come fossi impiccato ad un vuoto leggero.
Ma io voglio significare la mia morte
con un odore romantico
e che sia anche languida
un sepolcro spumeggiante
gocce d’olio cariche di luce
perché non sia un amen
ma uno spinterogeno nel sangue
una rondine"
 

"and then I suddenly withdraw and get worn out
and I cling to the catafalque
as if I were hung from a light void.
But I want to sacrifice my death
with a romantic smell
be it even languid
a sepulcher foaming
oil drops filled with light
so that it is not an amen
but a coil ignition in blood
a swallow"

(trad. Valentina Confido)
وبعد ذلك أَنسحبُ فجأة
و أُخرج متهالكا
أَتعلّقُ بالنعش
كما لو أنني عُلّقتُ في فراغ خفيف
لَكنِّي أُريدُ التَضْحِية بموتِي
برائحة رومانسية
وإن كانت ضعيفة
قبر رغوة
قطرات زيت مليئة بالضوء
حتى لا تكون مجرد ترتيلة
و إِنَّمَا جذوة في الدم
جرعة

(trad. Munir Mezyed)

La tela del ragno.

un merletto di Burano luccicante di minuscole gocce di cristallo
è steso ad asciugare tra due giunchi novelli sulla riva del fiume
 
il ragno verdeoro ammira soddisfatto l’opera fregandosi le zampe
mentre tra le perle di rugiada una falena si dibatte ormai sconfitta
 
così ti ho conquistata, con l'astuzia e l'abilità di provetto artigiano
e persa immediatamente quando la mia superbia ha rotto la tela
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 2016 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Salvatore Pintus