Poesia | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Poesia

Evanescenza

E sono essere evanescente
fra le pieghe dei giorni, dei soli,
delle nuvole che scorrono
sull'immensa distesa
di un cielo al tramonto.
 
Alexis
21.03.2010

Il ragazzo che gioca con me

Il mio ragazzo mi conduce lontano
sulle note di una canzone
tra i versi di una poesia
gioca ride soffre
vola con le parole e le note
fa sue passioni e ricordi
emozioni e bugie
sogna e fa sognare
Aspetto le sue parole come carezze
calde ne bevo insaziabile
il suo nome nel mio respiro
sulle labbra salmastre
e gioco con lui
con la sua fantasia
e la mia follia

Ebb tide.

a strappi

Vorrei rinascere
nell'attimo esatto
del tuo ultimo bacio
che era ancora inverno
Perchè ora il mio sangue è polline
e non so più scrivere
nè respirare amore
ma solo tossire a strappi
 

Ode ad Athena

O Dea,
nel divino sguardo assorta,
contempli dall' Olimpo
il cammino di noi umani.
Il tuo cuore caldo
batte dietro vitrei occhi impassibili,
il tuo petto impazza,
ma compostezza e orgoglio
incatenano la tua Anima.
Perchè, o Pallade,
ostinata è la tua fronte
e contorto il tuo sorriso?
Liberati, o Athena,
dalla coltre della coscienza,
sappi, come Ninfa,
godere dei frutti di Gea,
abbandonati a Sonno,
di cui Zeus è timorato
e lasciati incantare dalle melodie di Morfeo.
Riposa, o dolce Dea,
torna bambina
e ridona al tuo cuore la spensieratezza
che Fato recise al tuo primo vagito.
 
Alexis
13.01.2009

m'assedio sfinita

Finalmente pin
m'arrendo
 il tuo fresco riso
 è la migliore arma
per combattermi
e sta con me 
gemma primavera
ascoltandoti.
si è bruscamente risvegliata
e del sole ha aumentato i watt.
o mio zuccherino dolce
 mi sciolgo
a quel suono allegro che fai,
fai domino.
 si ripercuote tutto
e mulinello i fianchi
al ritmo di un flamenco.
ma non ho più vent 'anni
e le colonne che impediscono 
a vista l'accesso alla porta del tempio ,tremano,
come se un terremoto
interno e burlesco
volesse corromperle,
indecise sussultano
e in brividi raccolgono gocce fin sulle caviglie. 

compulsivo (?)

ho messo
la bisaccia dei lai
a tracolla dei miei passi
per andare dove mi resta da vivere
senza ascoltare più il canto delle sirene
che i patimenti dell'anima hanno già fatto
infrangere il rostro sugli scogli la scorsa estate.

Il viale degli alberti tagliati

E questa macchina che corre
lungo il viale che va al mare
e tu che sorridi
con le tue mani
sulle mie.
 
Un gregge,
un gregge di pecore nere,
che strano
e tu silenziosa che mi guardi.
 
Gli aironi anarchici
nel lago salato
a cercare piccoli pesci
che sfuggono al luccio,
aironi liberi
che scrutano il cielo
e le nuvole di un Dio multiforme.
 
Dimmi dei tuoi figli
dimmi di quella casa
dimmi di questa vita
perchè non voglio morire
prima del mare.
 

Haiku

la nebbia cola
candelotti accesi
l'inverno si dà

E slaccio i fili

Vivo in quel posto liquido
fatto di umidità leggera
che arriccia i capelli
 e vanifica la spazzola furiosa.
Vivo in quel posto che sempre risuona
colmo di un silenzio che non sa tacere
e in esso mi cullo
e cresco i miei figli senza corpo,
bisognosi solo di sogni
e nessun altro cibo.
Così sono madre
e insieme sono figlia
ogni giorno a tessere i fili dei pensieri
per farne un'unica trama
da poter indossare.
E di tanto in tanto slaccio quei fili
ché i figli han bisogno
pure d'esser liberi.
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 1293 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Antonio.T.
  • luccardin