amore | Tags | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

amore

quel che ti chiedo

regalami parole
che io possa inciderle
sulla pelle
e rileggerle ogni volta
che la tua assenza
percorrerà le mie braccia
in un brivido
 
poggia sui miei occhi
il tuo sorriso
lo stamperò
in un pezzo di cielo
e mai nuvole nere
diverranno pianto
 
raccontami  i giorni
delle tue paure
delle tue incertezze
li curerò
avvolgendoli
in bende d’amore
 
prendi per mano
i miei sogni
fantasmi della notte
disperdili
in mondi lontani
che il loro profumo
evapori dalla mia mente
e torni reale l’amore

Celtic rain

 

Ricordi
come scorreva
la sabbia tra le nostre dita
la notte che volava via
tra le note di “Celtic rain”
accarezzava i nostri corpi
mi accompagnavano
i tuoi occhi scuri
e sullo stesso sentiero
tu ancora
mi fai sognare...
come allora.

Una tua carezza a volte
mi porta via e io immobile
ruberei… per i tuoi occhi.

Dico: “Dai andiamo che se no... piango.”
E tu: “Che scemo che sei... perché ?”
Il rumore del traffico un’auto che suona
corriamo sul giallo...
Tu che sorridi ancora
e in alto lassù... Dos banderas
alla nostra finestra.

Questa paura di veder tutto sfumare
per legge naturale delle cose
che tutto ha un vertice e una caduta.

Vivo questo istante come fosse eterno
che mai nulla, mai nulla mai
possa sfuggire via.
Che si fermasse il tempo
che non si invecchiasse più.
Highlander per sempre tu... Ed io.

Christmas Tree

Ti arrampichi all'azzurro abbacinante
da un privilegio d'alpe immacolata
placido nella notte hai ricevuto
il dono di un mantello d'ermellino

 

Lontano dai fratelli sfidi il vento
con il vigore buono dei giganti
ma amico ti è il concerto delle vette
solide le tue mille verdi braccia

  Leggi tutto »

Un amore in ritardo

Si era rifugiato tra i monti lontano dalla sua casa,  lontano dalla sua solita vita,  lontano …
Ora ha una piccola casa bianca   con un grande camino caldo  anche quando  è spento.
E’ il suo focolare. I suoi libri, la sua musica, le sue riflessioni, i suoi pensieri,  i suoi scritti.
Tutto il verde intorno alla casa, gli ampi paesaggi lo fanno spaziare con gli occhi e la mente.
Un piccolo schermo, il suo computer dove vive il suo mondo virtuale e reale.
Un amore ormai finito lo strugge.
Evasione e silenzi qui tra il verde e tra i monti lo aiuteranno a vivere una nuova dimensione.
Nuovi orizzonti, nuove conoscenze, nuove esperienze. Nuovi scritti sempre appassionati, sensuali, carichi di immagini vivide e sognanti.
 
Ed ora un nuovo amore!   Non era previsto, ma lo desiderava e da tanto.
E’ arrivato così, inatteso, sulle note di una canzone.  Note dolci e malinconiche di una canzone
a lui sconosciuta ma che ora continua ad ascoltare ripetutamente in maniera assillante ed anche ossessionante.. La stessa ossessione che ha per lei da quando l’ha incontrata.
La sua immagine l’ha subito colpito, turbato, uno sguardo dolce e intrigante insieme, con quegli occhi verdi, grandi, profondi.
Lei mentre parla sorride e lui ne rimane affascinato, il suono della sua voce è seducente, invitante
e lui si lascia condurre sulle ali di quel suono armonioso.  Sogna?  Forse.  Ma di sicuro lei l’ha stregato. Ed ora non pensa che a lei, non sogna che lei, non parla che di lei. Lei, la sua dolce amica che diventa sempre più intima per lui.

Vero amore

Ed io ti vedo abbracciata ad un altro con il cuore che mi piange e gli occhi rossi che si stringono nel buio. Tu balli lasciandoti andare dalla musica e da quei sussurri che non possono restar sempre vuoti; io invece resto lasciandomi andare a nostalgico e sofferto pensiero! Vi sfiorate, vi sentite, vi unite, percepite il tepore dell’uno con l’altro, siete corpi avvolti nel manto dei sensi, accendete le luci delle vostre anime come lampade solitarie della notte. Nella modulazione del ritmo anche il vostro respiro intona e svuota l’intorno. Siete soli, tu lui e l’idea che il ballo imposta liberando le più acute delle emozioni scambiate nella suadente assonanza delle figure. Ed io ti vedo abbracciata a lui come diva scesa dal cielo per raccogliere e rapire il reale, come fata che si spoglia della sua magia e la dona all’altro nel tuo abbraccio.
Ma la mente non sempre segue il cuore e nella sofferenza anch’io intono l’altra parte di me che ti comprende e in fine ti assolve…
Se il tuo amore per me si sciogliesse al tepore delle parole di cuore dell’altro, io non avrò più speranza d’amarti come quei giorni di sogno, ma nell’assoluto silenzio sempre e per sempre, continuerò ad amarti perché un amore vero non può mai essere sepolto!
 

(tratto da romanzo: "Amanti leggeri")

Amore

Che varrebbe esserci
se non per la speranza
di trovare amore qui o altrove
presso di te che bramo o
da un'altra che m'ami
fermare questa deriva
che riempie i giorni e le notti
e fuggir albe di abbandoni nuovi?
tu - a_morte - sei la speme
tu unico degno d'esser atteso
che non c'è senso a vivere
per avere o essere
ma soltanto il dare e ricevere
il sublime niente
che è desiderio e fiamma.

"La pioggia e la luna"

 

Il fiume era un letto in piena
e Genova,
un mare in tormenta.
La croce segnava il cielo
decidendo
la costellazione da seguire,
i pesci
superavano tranellimpervi
e correnti improvvise spingevano già
la barca alla deriva. Leggi tutto »

"La sera del campo e della stella"

Gocce,
sulla distesa dell'oceano
formavano zampilli.
L'acqua spingeva il diadema
tra le grandi alghe.
La luna,
bianca opalescenza nella notte,
illuminava i diamanti sgorgati
dal sacchetto di cuoio.

Le mani del garzone
tremavano inquiete.
Tu sorridevi divertita
tra quegli strani lisci
capelli neroblù.
Il tuo viso rifletteva
al riverbero di quella luce azzurrognola.
Ricordo appena fuggito: il sole.
Mezzaluna rosseggiante
nell'aria scura
del buio in arrivo.

Tu quasi bisbigliavi.
Faticavo ad ascoltarti
ma alcune cose capii.
Dicevi: "Se vai e lo spingi,
che lo stringi il diamante
il più bello ovviamente,
se lo segui, vedrai …Credimi”.
Sorrisi e le dissi: "Che bella che sei".
E lì m'accorsi che più bella
non t'avevo vista mai.

Ovvio quindi,
seguii la fiamma,
e lo scintillio scoppiettante
e il vento sferzante
abbracciai.
San Giacomo guardò
ed io già sperso m'ero
nell'iride dei suoi occhi
e nell'abbraccio che fu.

Ricordai i tempi andati…
Piansi, mi disperai poi esplosi
In una risata infinita.
Lei di sottecchi apriva il cuore
…E che abbraccio che fu!
Il destino stendeva
i suoi tuoni radi
e giocava coi lampi.

Se lo volevi sbarravi gl'occhi.
Se lo volevi sporgevi la testa.
E la vita.
La bella vita, era li.
Giocando già
distillando audace
senza pietà alcuna
le sue lacrime miste
alla misericordiosa gioia. Leggi tutto »

"D'amore e d'ombra"

Sulla torre di guardia
la vedetta osserva.
Amleto vede lo spettro del padre.
Mosè
la terra promessa.
Ed io, dispiace dirlo
la mia ombra invecchiare.

Accadde una sera di fine estate
dopo giorni di sole
con nel mezzo
trambusti di temporale 
che proprio in quella sera d'ultimo sole
percorrendo come sempre
la salita verso casa
improvvisamente
(quasi dal nulla)
vidi gli anni volare.

Capitò che girassi
(quasi per caso sollecitato come
da una presenza sgradita)
fulmineo il capo
(distratto da lieve disarmonia)
e con la coda dell'occhio
la sorprendessi
(impreparata e distratta)
là dove stava, come al solito
appesa ai miei tacchi.

Dal dondolio del suo intercedere
riconobbi
il tempo passato
e come in un lampo estivo
(io che pensavo, la mia vita, mai
sarebbe, giunta al tramonto)
intuendo l'impercettibile suo ritardo
ad un mio gesto voluto,
dovetti accettare
che tutto ciò ch'era stato
difficilmente avrebbe avuto,
ulteriore seguito.

Quasi si scusò lei 
al fermarsi lì dell'ultimo autobus.
Quasi di profilo ugualmente sorrise
(che mai doma faceva l'occhiolino)
così distante da quando
il sole del mattino l'allungava
appesa alle punte
o il mezzogiorno
ritta la vedevi appena nascosta
sotto al peso del mio corpo.
Mi rassegnai.

Guardai il terreno intorno
e amaramente pensai,
ci son volte che tutti
desiderano ciò che hai
e volte che
quel che hai
non puoi darlo via...
 

"Invincibili noi"

Ti ritrovo così
amica dolce che torni
stasera dalla memoria
e dalla memoria il tempo che vola
ne attraversa i vicoli
e il bus
che passa davanti al portone
...e noi due. Ricordi noi due?
Ci sentivamo invincibili.
Li ad incominciare
che non si sapeva che il tempo si fugge
che i manifesti ai muri arrotolati a colla
di rossa bandiera oggi vengon derisi.

Sogni scalfiti i nostri, passati oggi e traditi
sfuggiti per una strada che scalciò.
Ma sorrideva la vita allora
che si sognava far i grandi o gli artisti.
Piccapietra e noi, le due porte
(che chi ricorda sa) e un banco d'amici
un po' scapestrati ma sani.
Eppure siam qui, seppure distanti rimasti così
tra lacrime appese da un cielo che vola lontano.

Da quei vicoli noi, da un lago svizzero tu
ed io quaggiù.
Sempre distanti io e te
due vite parallele disgiunte
e ineguali le nostre
a rallegrarmi il sogno di adesso
tra il rosso del sole di Nervi che piano sorgeva.

Ma cambiava il destino rispetto al sognato
e Genova, l'adolescenza
mutavano in buona vecchiezza
che il cuore infinito non volò soave
(almeno per me) e c'obbligò al destino.

Eppur son qui stasera... ancora con te.
E quel trentatrè che passa e ripassa
tra un bacio cento volte reso
che apre indulgente ancora... le porte
e riparte.

Vestita all'araba resti per me
bella di sole raccolta
a sognare noi due un mondo diverso
che rimase ciò ch'era, virando persino all'opposto...
Tu che sognavi sfuggente io che sfuggivo vagante
e oggi in un leggero sorriso
di chi ormai adulto che sono
guardo i ragazzi abbracciarsi per strada Leggi tutto »

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 2136 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Carlo Gabbi
  • Bowil