cose così | Tags | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

cose così

L’amore e un’altra storia.

 
 
     Quando mi capitò di parlare per la prima volta dei miei amori, ero ad un angolo di strada su un marciapiede di bar e non desideravo altro che parlare dei miei amori, che allora non erano ancora al primo bacio e non se ne erano andati con il primo treno che restituisce i sogni agli addi. E mentre alcuni raccontavano dei vestiti di carne e dei semi infiniti del melograno dei loro amori col megafono del pianto ed altri col coraggio dell’espiazione e il peggiore persino sghignazzava, io dovevo tacere e sperare che qualcuno m’innammorasse per poterne parlare. Ma non c’erano occhi vicini o lontani a cui affidare uno sguardo che mi avesse a bersaglio.
     In mancanza di storie e mappe d’incontri, dovetti inventarne a tal punto da portarmi dietro persino le carezze più audaci che mi facevo mano a mano che il racconto cresceva dentro me.
 
     Oggi io potrei descriverne le misure alterne: di quelli che t’involano per poco più di un sesso, o gli altri a lungo terminati e mai completamente smessi (perché l’amore è subito o più lento, ma ha sempre un’agonia di luce che da lontano ancora ti rischiara). Giulia Annamaria Marisa Aurora e di chissà quante altre ancora che nemmeno ho colto e resistono al recupero della memoria storna, perchè la marea del racconto è sirena e porta via chi ne ascolta la risacca.
 

A Nessuno.

domina il bianco la mia pagina
oggi in questa lontana solitudine
e la presenza che non viene
quando senti necessità di bere
segna aspra l'arsura dell'anima.
 
ma vola lontano pensiero ruba
quel sembiante che s'ascende
dalle mie brame assidue forse
spinose ancorché lo son le rose.
 
ridammi oh! sogno il suo fiato
e all'orecchio porta la sua voce
le parole a carezzar la mente
una briccica di spoglia glabra
alle mie dita tremanti.

la festa di San Rocco

Ho drappi di ciglia
a strapiombo
sul bordo della sottana
e occhi[i tuoi]
azzurre uova Fabergé
preziosamente cotti
dal mio pavoneggiare
 
Chè il culo di una donna
quando fa la ruota
può oscurare il sole
e imbambolarti come da bambino
davanti ai fuochi per la festa di San Rocco

Il Testamento di Adamo

E il Signore, vedendo Adamo solo e triste, ne ebbe pietà ed a lui così si rivolse: "Adamo, che ne dici se ti procuro un po' di compagnia?" E Adamo: "Non so, dipende da quanto mi costola..."
Due giorni e due notti durò il dubbio di Adamo e poichè doveva regolarsi potendo usufruire solo dell'alternarsi del sole alla luna, ben presto gli fu chiaro che persino darsi un appuntamento col Padreterno risultava difficile!
Si erano detti: "Risentiamoci tra due lune..." , ma rimaneva incerto se questo significasse "al terzo sole" oppure "a cena a casa mia".Decise che forse era meglio la prima ipotesi: d'altro canto, con tutta la fatica fatta dal Signore per creare l'universo, era probabile che avesse un po' troppa fame per uno senza stipendio, nè sussidio per la disoccupazione. "Anche questo è un argomento che dovrei chiarire prima o poi" pensò Adamo.

Se passando il fiume rotolano ciocche

 
 
Sarà che invasi alterni fanno rimbalzi
oltre passate spume
ed ogni guado è una ferita aperta di trapasso
in questa forra occorsa che non mi ride
ambisco ponti
a spalle in sponda
dove la luce affresca campate d’ombra
sulla composta acqua che le scorre.
 
Ho sangue incerto oggi
in ogni ciottolo
e forse elevo dighe nella gola
scontando una diversa foce.

Attualità

Una domanda

chissà qual'è il metro giusto
per misurare il bello il brutto
il falso il pretto il santo l'empio
se ognuno fa valer il proprio strumento?
 

Il tappeto volante

verrà verrà ne sono certo
questo è un posto
che non da nell'occhio
si nasconde ormai non la interesso
viene a dirmi addio, io non posso
che squallore questo luogo
lei insistendo tanto l'ha voluto
e questo tappeto finto orientale
oro e rosso finto velluto
come vorrei poterci volare
lontano su un arcobaleno.
ho trovato si, così farò
appena entra un colpo solo
senza sfigurarla
nel tappeto d'oro avvolgerla
e insieme dal balcone
spiccare il via e sarà per sempre
solamente mia.
 
 

piccola storia di soprusi e frullatori

ghost train - daniel j. mounsey

 

attraverso l’occhio del mio paradiso
come in un lungo treno che odora di fantasma
deponendo in un unico blocco il destino
e le armi migliori
mentre urlo di una certa personale follia
gli ultimi fuochi del disastro
contando in un unico blocco di soluzioni
le antiche contrade della storia di tutti noi
e le invincibili armate
di un pensiero già bello e spezzettato e defunto

oggi
è ora di gelato di crema e cioccolato
sogno di una difficile arte di mettermi fuori dall’oscurità
che è una galleria senza barriere che proteggono
e pertanto pronta a ricevere il crollo dei massi
oggi
è ora di ottime caramelle al miele di te
che sei la linea di demarcazione tra tragedia e dramma
forse oasi di abbracci discontinui
ma ottima pozione sulla strada della disfatta
perché oggi
sei tu che governerai l’antica prospettiva di vittoria
in un ideale di torta al mascarpone
con nocciole e noci tritate finissime
ma mai a polvere di fragilità
tu con le spatole del miglior pasticciere
montando tuorli d’uova dallo sguardo abulico
che sanno riaccendersi alla gaiezza di un forno ventilato
di questo oggi
senza moribondi e senza guarigioni miracolose
negli albumi che diventano neve fresca
delle splendide capacità del gusto
in guarnizioni colorate a festa
di farci noi ancora più felici
e sognatori

attraverso le stelle del mio unico pezzo di cuore
come provando la velocità del fantasma sulle rotaie
negli alambicchi del purgatorio
e nei conforti delle caldaie in fiamme
spaventando me stesso e tutte le fragranze della nobiltà
in questa fucina dove i fabbri invocano gli dei
e decidono le sorti della battaglia
in questa macchina della verità dove stritolo i poteri
e decido da me le strade del disinteresse
e del disimpegno dalle grandi manovre
giocando per l’ennesima volta con gli ingredienti
preferendo le bombe caloriche
agli orrori della potenza bruta
dei muri divisori
  Leggi tutto »

Istantanee d'autunno

Sono foglia sottile nell'ultimo volo
  Lascio un ramo che mi diede vita
Plano e volteggio in cerca di vento Leggi tutto »

Quella sera, a Venezia

Ora sono qui, seduto su questa sedia stile Luigi XVI, in questo salotto dove respiro Venezia e dove tutto ciò che mi circonda me la ricorda e descrive. Sono qui, arrivato buon ultimo in punta di piedi per non recare disturbo alcuno, che mi guardo attorno e cerco di trovare una posizione meno scomoda sulla sedia. Non sono abituato evidentemente. La tazzina con il caffè che gentilmente mi è stato offerto al mio arrivo ora viene rigirata pigramente tra le dita, il caffè freddo non l’ho mai amato, è una vera schifezza. Giro lo sguardo intorno a me e vedo molte facce note, ma anche molti nuovi convenuti. Manco da tempo, si vede. Le conversazioni si intrecciano, colgo mozziconi di frasi e di argomenti. Il fastidio per la posizione innaturale assunta sulla sedia sta viepiù crescendo. Raccolgo un sorriso complice dalla padrona di casa che sta farfalleggiando impegnata tra i nuovi ospiti. Non ho profferto una parola, finora. Dopo aver cercato inutilmente un tavolino appoggio delicatamente la tazzina colma della schifezza nera gelata sul tappeto e mi alzo.
Sfoderando uno dei miei migliori sorrisi idioti saluto gli astanti con un cenno del capo, inarcando un sopracciglio e mi avvio in punta di piedi, come sempre, verso l’uscita. Sulla sedia una rosa rossa fiammeggia il mio grazie alla padrona di casa. Chiudo la porta alle mie spalle, senza far rumore. Mi accolgono le note del Rondò Veneziano provenienti da chissà dove. Ah, Venexia…
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 1776 visitatori collegati.