tema settimanale | Tags | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

tema settimanale

8- Rinascita o Resurezione? Perché no'?

Ogni religione ha il “suo mito” sui diversi Credo simboli del pensiero umano, generato su origini della storia del mondo, sui perché rimasti irrisolti, su avvenimenti inspiegabili e su tutto ciò che la mente condizionata ha assorbito nella Vita di ere trascorse.

7- Simbolo della Resurrezione

Uova di zucchero.
Uova di cioccolato.
Uova di spine.
Uova insaguinate...
Il dolore lacera la Madre
di tutti, ai piedi di un
sacrificio in croce. Quel
delitto utile per la
remissione dei peccati e
la salvezza dell' anima.

6- Qualche giorno prima...di Pasqua

imagesCAZQJBE2.jpg
 
 
 
 
 
 
 
 
Dove troverò riposo?
In un pensiero
o nel suono di un sorriso.
 
 
Sento la "Festa"

5- Il martirio della Santa Croce

Chi non sa della battaglia che ho nel cuore
taccia dei fremiti generati dal corpo.
Cedono i trofei obliati dai nervi appesi in saldo,
del saggio predicare di ieri miravo le radiose sagome
attendere all'ombra d'un olivo 
ad aspettare che il vuoto si riempisse di sole.

4- Figlio ultimo fine

Vano non fu 
quel gesto di martirio
portato a compimento 
da folla in gran delirio.

Nessuno credette
alla sua ormai flebile voce
se non quando si alzò
dal dolore della croce.

3- ogni giorno risorgiamo dalle nostre ceneri

2- tra le tue mani

Fiorirò tra le tue mani
nella parola che il tuo cuor racchiude
o sarò polvere nel vento
disperso eternamente
e se l’amor mi fosse tolto
attraverserei il ponte della vita
senza guardarmi indietro
sparirei nel tuo cammino.

1- Baratto

La vita offerta
per la morte,
ecco il ''salvatore''.
 

Morto
per salvare la vita
e diventi eroe...

 

Il salvatore..morto,
morti anche gli eroi

 

Seduti

Zo de cale*

Non è uno zefiro gentile
quello che preme le spalle stasera
e affretta i passi sotto i portici.
Racconta l’antica storia del mare
sui volti terracotta dei pescatori,
sibila tra nasse stese ad asciugare.
 

Il profumo del vento

E le chiome al vento
degli alti pioppi
 
Ed il lor suadente frusciare
che mi rimembra il mare
 
E quel dolce dondolare
che mi torna a far pensare 
a quel profumo intenso, 
a quel profumo di vento e di mare...

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 2108 visitatori collegati.