Quanno pe’ respirà nu poco d'ammore | Poesia | amcozza | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Artemisia
  • Filo Bacco
  • Marco Galvagni
  • Giuseppina Di Noia
  • dante bellanima

Quanno pe’ respirà nu poco d'ammore

Quanno pe’ respirà nu poco d'ammore
cianciuso t’addumando si me vuò bene
riffe e raffa, sùbbeto me dice :
- Certo ca te voglio bene! -
Tanta vote me pare overo
e pe' nu poco s'accujeta stu core
ca nun sape maje che le succedo.
Ma saccio pure ca l‘ammore
- l’ammore cu ll’A maiuscola -
è n'ata cosa, ca na buscìa
scanagliata, nun pò tenè forza!
Si uno all’impruvviso
d'into a l’uocchje 'e n'ato spia
chi nun è sincero se tradisce
e se vede ‘e cose po’ comme songo.
Nu sentimento, na smania ca trascina
si vullejano nun se ponno ammutulì;
finte, si vulessero ‘nbruglià nu core
nun se ponno vestere ‘e passione
troppo stritto fossero chille panne:
o’ bianco, 'o griggio do' core
nun si pònno maje avutà a russo!
E accussì i' te resto vicino
senza sapè si è juorno o notte
si chello ca pienze e io nun tocco
si chello ca tu pe' mme siente
e nun me dice è ammore
o n’ata cosa ca forse l’assumiglia.
Fossero st'uocchie mieje
ancora cchiù chiuso
o i' nun ce vedesso buono:
chiù s'assicurasso stu core!
Se tu mme dice ' a verità o na buscìa
chi ‘o po’ dicere: tu sulo 'o saje.
Tu sulo 'o saje si sti penziere
ca spòntene d'int'o scuro so male penziere
ca sulo nu mumento svuntuleja,
o si è sulo p''a paura 'e te perdere
ca mm' arriduco scemo accussì.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 7 utenti e 2133 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Marco valdo
  • voceperduta
  • live4free
  • ferry
  • ferdinandocelinio
  • Salvatore Pintus
  • vinantal