Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Poesia dialettale

Oh musa, musa... Barbara musa!

Ocannu puru intendo Mamujada
in chirca de bullitzare cantadore
e collo, e gai l’imbasto imbassiada
ma non m’essit incuntza de valore. 

Cunfin

 
Tisin
te gà propi metù lì
a marcà giò el cunfin
framèz barbera

Tra virtù...ed erori

Quarcuno – nun ma ricordo chi –
n’giorno disse na frase che me colpì:
solo chi striscia nun inciampa...

Le bellezze de Roma (ricordando Alberto Sordi)

er cupolone.jpg
L'arto giorno so' ripassato davanti all'osteria
dove mi padre m'ha portato ch'ero regazzino,

Colpa della Notte

pixiz-22-11-2017-21-55-55.jpg
Colpa della notte
 
Ti penso che ci posso fare
Non sono riuscito a dimenticare,
tra le strade della notte ti cerco e ti chiamo

TU CHE NE SAI

TU CHE NE SAI…..
 
Che ne sai……
Di quei dolori tatuati
che non si cancelleranno mai,
di quelle lacrime nascoste

Trase passo e ghiesce

Comm'o sole 'e vierno
ca pe' dint 'e nuvule và e vène
comme viénto che passa
pe' vico addò manche aria

Te t'an fe fadiga

T'an fe fadiga, te
a zirem
t'la testa

'Na vita degna

'Na vita degna
Di Ernesto Rivabene
 
La vita è 'na cosa Santa
nun se stappa come si fosse 'na Fanta.

Ad fadiga ostcia d' un Mallarmè

Ad fadiga ostcia d' un Mallarmè
 
Quent us vo' ben, senza
'e sestent, senza la bosla

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 14 utenti e 2693 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Bowil
  • Marina Oddone
  • nickandclick
  • ferdinandocelinio
  • webmaster
  • sapone g.
  • Rinaldo Ambrosia
  • erremmeccì
  • gatto
  • Antonio.T.