46- Pioggiaesole | dialetto | Giancarlo | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • giorgio moio
  • Giuseppe54
  • Giuseppe Rongaudio
  • Gabri
  • Ignu

46- Pioggiaesole

Solo ieri comandava lo sconforto.
Il piovasco ostinato, la cupa atmosfera,
raschiavano la scorza del buonumore.
Il piagnisteo sommesso del cielo stremava le piante,
convincendo le foglie ingiallite
a seguire le gocce spente verso il bruno terreno,
umidiccio e molle, che lentamente le inghiottiva.
Si smaltava l’asfalto, trasformato in specchiera opaca,
riflettente i bagliori delle auto in corsa,
tra una spruzzata e l’altra, fastidiosa e fredda.
Un vento d’abbandono impregnava l’aria fradicia,
disertata da strepitii d’uccello.
Nubi cianotiche, estese ed intimidatorie,
accerchiavano le alture, rendendole invisibili allo sguardo. 
E l’animo impalpabile s’assopiva,
sottomesso all’egemonia malinconica della giornata autunnale.
Un vago sentore di rinuncia espugnava l’intimo,
eclissando ogni desiderio.
E la notte era piombata rapida ad annerire il tormento.
Ma con il nuovo giorno,
con il clamore del sole, in un cielo ricolmo di vele lattiginose,
una nuova speranza pervade l’anima.
Le colline, punteggiate di zafferano,
scortano i picchi sfolgoranti di bianchezza,
commuovendo la vista con pennellate soavi.
L’aria vigorosa t’impedisce l’inciampo nei rimpianti
e t’incoraggiare a rischiare.
Ebbri di letizia, sfidiamo i contorti grovigli della vita.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 3124 visitatori collegati.