Un lavoro "stancoso" | Lingua italiana | Fausto Raso | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Vittorio Lucian...
  • MG
  • kip
  • Romeo
  • giuseppe riccar...

Un lavoro "stancoso"

«È stato un lavoro veramente stancoso».
Se qualche studente scrivesse una frase del genere in un componimento sarebbe redarguito, senza dubbio, dal docente di lingua italiana. Chi scrive, a costo di attirarsi gli strali dei linguisti "ufficiali", non è di questo avviso. Sí, il vocabolo in oggetto (stancoso) non è attestato nei vocabolari, ma non per questo è da considerare errato.
Il suffisso  "-oso"  (dal latino "-osus") è tra i piú frequenti, nella nostra lingua, e indica, genericamente, la 'presenza' di una determinata qualità, quantità o condizione: ozio/ozioso, difetto/difettoso, ansia/ansioso, fiducia/fiducioso, collina/collinoso, stanco/... stancoso.
Si dirà: non esiste "stancante" per dire la stessa cosa? Sí, ma noi faremmo un distinguo: "stancante", participio presente del verbo stancare, quando vogliamo mettere in evidenza che quella cosa, quel determinato lavoro "provoca stanchezza": ciò che dovrò fare sarà molto 'stancante'; "stancoso", quando ciò che è stato fatto ha procurato stanchezza: è stato un compito veramente 'stancoso'. Quest'aggettivo, comunque, "snobbato" dai vocabolari è presente in numerose pubblicazioni. E visto che siamo in tema, ci piace segnalare un sostantivo relegato nella "soffitta della lingua" (ma, a nostro avviso, andrebbe "rispolverato"): stanchità (sinonimo di stanchezza).
 
Fausto Raso

ritratto di Fausto Raso
 #
Cliccate su "-oso", "pubblicazioni" e "stanchità" per accedere ai collegamenti ipertestuali.
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 2069 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • sid liscious