È ssulo robba vecchia | dialetto | Giovi55 | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Vittorio Lucian...
  • MG
  • kip
  • Romeo
  • giuseppe riccar...

È ssulo robba vecchia

'O munno s'è avutato sotto e ncoppa,
se so' ammescate 'o mmale e 'o bbene.
'O preputente se mette sempe 'a coppa;
chi sta sotto ne pava spisso 'e ppene.
Chi brinda dint'a llarghe e ggrosse coppe,
nun ce fa cchiù ccaso...nun se mporta.
Penza sulo a cchello ca cunviene:
'a misericordia 'a lassa fore â porta.
Se jetta tutto chello ca nun serve:
se vanno cercanno ngiro 'e nnuvità.
Chello ca tiene ogge va bbuono ogge,
ma passato ogge, dimane è vviecchio ggià.
Accussì 'int'a nu gruosso sacco niro,
senza pruvà rimpiante, né emozzione;
ce miette na cuperta fatta a mmano,
'o spartito 'e na vecchia canzone.
È vviecchio chillu spiecchio tutt'opaco,
addó mammà toja se mbellettava.
È vvecchia 'a seggia a donnolo d' 'a nonna,
addó pe ppassà 'o tiempo sferruzzava.
È rrobba vecchia 'o rrusso d' 'o tramonto
'o mmaculato chiarore d' 'a luna chiena.
È rrobba vecchia 'a varca mmiez'ô mare,
ca vene vucata a ll'onne appena appena.
È vviecchio chi pe nu respiro 'e ll'uocchie
se sceta mmiez'ô lietto 'int'a nuttata
e d' 'a fenesta guarda tanta lampetelle,
ca 'o cielo pe ffa' luce ha appicciato.
È vviecchio chi porta rispetto ô pate,
chi tene riguardo pe 'o povero, ll'anziano.
Nu poco 'a vota stammo jettanno...
tutto chello ca ce regneva 'e mmane.
Ma nfine che d'è 'stu sentimento,
ched'è ll'ammore, 'a cumpassione:
è pperdita 'e tiempo...nun è gguadagno...
'a rrobba vecchia va nfunn'ô cascione.
Vulimmo essere bbelle a ttutte 'e coste
a vecchiaia s'ha dda a fforza alluntanà.
Nun penzammo ca 'o tiempo passa
e ttutte quante avimm' 'a nvecchià.
Ogni ccosa ha dda tené 'o sapore 'e nuovo:
ha dda essere sempe fresca e scintillante.
So' vviecchie pure 'e sante 'int'ê cchiesie...
pe ttanta ggente fete pure ll'acqua santa.
'O viecchio nun è cchiù fonte 'e saggezza:
bello e cu na barba longa e gghianca.
Nun ce vaje a vvevere quanno tiene sete:
è acqua ca nun leva sete e nun rinfranca.
'E viecchie songhe rilorge arrugginite,
cu 'e llancette ca nun sanno signà ll'ore.
Accussì mentre jettammo 'a rrobba vecchia,
'int'a munnezza...jettammo pure 'o core.
Giovanna Balsamo

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 2096 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Antonio.T.