Albertine | Recensioni | Hjeronimus | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Laura Archini
  • Artemisia
  • Filo Bacco
  • Marco Galvagni
  • Giuseppina Di Noia

Albertine

Una poco di buono evade dal carcere di Doullens, nel nord della Francia. Non è neanche maggiorenne, ma già mezzo alcolizzata, battona e fumatrice accanita. Siamo negli anni cinquanta dell’altro secolo. Nel saltare dal muro della prigione si frattura l’astragalo del piede sinistro. L’astragalo è in pratica il “tacco” del piede, fa da contrafforte al medesimo, consentendo la nostra posizione eretta. Non s’aggiusterà più del tutto; sarà per sempre una puttana zoppa - un “sempre” comunque breve assai perché ella morirà di lì a poco, non ancora trentenne.
Questa storia di una vita mancata e marcita prima di fiorire, ci riguarda comunque, perché, come accade che dalla putrefazione possa germinare un qualche fiore più che decente, da questo vergognoso e fuggevole trancio di vita sorge una letteratura che la salva. Perché la puttana zoppa, Albertine Sarrazin, ci lascerà un testo mozzafiato, il racconto incantevole della sua straziante abiezione. “L’astragalo” è un grande libro scritto dalla piccola e giovanissima autrice in galera. Un racconto in cui la bassezza della trama è sublimata dalla forza poetica di chi scrive. Come Mozart, altro sublime “mascalzone”, l’autrice non ha ripensamenti, né rimorsi: scrive di getto con una tale perfezione da instillare quasi un po’ di paura. Dentro il suo corpo violentato, martoriato e prostituito alita la scintilla del genio, capace di gettar luce su qualsiasi tenebra degenere e di rendere in purezza la più reietta turpitudine. Un po’ come Baudelaire che trasforma in oro il fango di Parigi, Albertine trascina all’empireo luminoso la sua miserabile avventura terrena. E speriamo almeno che si sia guadagnata il paradiso …
Leggendo questo libro doloroso senza saperlo, viene in mente “fino all’ultimo respiro”, film quasi coevo, sovranamente interpretato da Jean-Paul Belmondo. Ove le sciagurate disavventure di un malvivente volgono in tragedia una vita vissuta all’insegna della rivolta. Così come pure quella di Albertine.
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 2726 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • live4free