Il Cantastorie | Poesia | Lorenzo | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Filippo Minacapilli
  • sentinelladellanotte
  • Roberto Farroni
  • sergio de prophetis
  • Lucia Lanza

Il Cantastorie

cantastorie.jpg
Ci sono altri fatti da indagare
dopo la saga dei luoghi dei Sassi
e della murgia amica presso il borgo
 
e cominciamo a raccontar le storie
di feste di paese e protettori
tra bancarelle e luminarie varie.
 
Cantavano d'eventi tristi e lieti
nel quadro suddiviso nei disegni
i cantastorie ad intonare nenie,
 
le note a volta tristi d'un lamento,
erranti personaggi a raccontare
le storie di provincie le più varie,
 
quando il tiggi non esisteva ancora
mancava lo strumento di visione.
La tradizione orale trasmetteva,
 
dei saltimbanchi in affidamento,
alla curiosità di gente al borgo,
la sinfonia di storia e mille storie
 
e lo strumento era il fiato suo
e il tono in melodia di cantilena,
l'evento ch'attirava in quel momento.
 
Racconto di briganti e belle dame,
di tradimenti subdoli avvenuti,
di tal dei tali in tale borgo tale.
 
La chitarra oppure fisarmonica
eran compagni delle loro nenie,
tela dipinta un canovaccio teso
 
a quadri sulla tela del racconto,
divisa nei disegni ch'illustrava.
Un soldo in cambio a fine del concerto,
 
con recita dei quadri nell'inverno
e si dormiva in stalla di famiglia,
che generosa l'ospitava in notte.
 
Sono ridotti adesso i cantastorie,
poche decine girano per storie.
 
 
Lorenzo 11.4.22

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 2369 visitatori collegati.