L'Immortale Pt.2 | Prosa e racconti | Nievdinessuno | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • giorgio moio
  • Giuseppe54
  • Giuseppe Rongaudio
  • Gabri
  • Ignu

L'Immortale Pt.2

Poniti domande su cosa significhi essere adulti. Sei adulto quando credi di essere immortale. L'ego è un filo sul quale tieni l'equilibrio. L'equilibrio è l'attimo in cui poggi la pianta del piede. Nel mezzo c'è una maschera che indossi mentre cammini su quel filo. La maschera è per teatralità, una messa in scena, un attore che recita, mai se stesso. Sempre qualcos'altro e qualcun'altra recita che non faccia la parte di sé. Questo è il dubbio, essere o non essere se stessi in un mondo che appoggia le maschere, il piede ed il filo su cui si muove. Il perché è il modo con cui si indossano le maschere oppure il filo che è troppo lungo e spesso da permettere al piede di poggiarsi o entrambi. Il come ti è ancora sconosciuto. Forse è lo stesso di quando sei mortale davanti agli occhi di un bambino che insegue le farfalle. Ricordati di tornare sui tuoi passi, dove hai lasciato ai ricordi, una semina dopo l'inverno, una memoria dopo il dolore.
Perché essere immortali non vale quanto lo stupore di ritrovarsi mortali. E se hai perso l'infanzia, il tuo essere mortale, lascia una memoria negli oggetti, nei gesti. Un giorno la coglierai in un campo, fra migliaia di rose. Se non l'hai vissuta, puoi iniziare a incasellare una mimica, un sistema di gesti, per piantare le rose nel campo. Il campo è il presente e il futuro. Che le rose siano rosse, rosa o gialle, non importa. Rammenta solo: " La Vita si legge da dentro e non da fuori". La Vita è dove sai di essere mortale. È dove la raccogli.
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 4 utenti e 3402 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Marina Oddone
  • Rinaldo Ambrosia
  • Nievdinessuno
  • live4free