Betty Vulc | erotismo V.M. 18 | 'O Malament | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Gloria Fiorani
  • Antonio Spagnuolo
  • Gianluca Ceccato
  • Mariagrazia
  • Domenico Puleo

Betty Vulc

 
Fucina a gradi e mezzo, Betty Vulc
bolle, e ghiande, ghiande dori, ioni
corinta totalmente immersa, non venirne fuori, nello spago
 
Ghiande sui seni, qui gambadilegno
sulle nuche, là, posti come destini, 'nfronte il fenicio
 
Non farmici pensare a piè veloce
A trabear voluttuosa io, onda che avvince, inebria, spazia
 
:-A Poseidò, come va lo scojo?
Betty! Betty dalle fuligginose vaporee ingomitate braccia
ingabbiata. “Nello - scojo arcano”. Apre tutti i mezzogiorno, fino al mattino.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 6886 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Ardoval