Sicut era | Lingua italiana | 'O Malament | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Gloria Fiorani
  • Antonio Spagnuolo
  • Gianluca Ceccato
  • Mariagrazia
  • Domenico Puleo

Sicut era

La stretta oggettivizzata sulla rima glottidale,
per un qualche rimasuglio pescato dall' innervo
dell'origine primaria corticale, lascia spazio
 
                                                                   [al labirinto]
 
Una volta spostatesi all'indietro le impronte che mi
contraddistinguono tu, sul cuscino orlato della dote,
emetti il primo suono della fragilità, corto e strozzato
 
Il tatto risvegliato dai rilievi della nuca rivelata dall'infossamento
  
                                                                            [della valle]
le corde ancora secche, ammiro, e lascio che saetti
liberamente al centro che si apre delle gote, sollevate
 
                                                                              [per il mento]
 
Tendendo il frenulo, il faringeo organo intero. Lì t'incontro.
La tensione metaforizzata, artisticamente, dall'impastoiamento
del buon gusto. Nessun dente cariato, o frammenti, o cattiva
digestione: un incontro non corrotto, quindi, che avviluppa
 
                                                                                    [avvince]
 
Magnifica nella tua lordosi, qua umani gusto e tatto s'innestano
all'animalità felina della quale ti riconosco portatrice indubbia,
 
                                                                                    [remota]
mentre il primo selvaggio lupo in cui per ventura mi trasformai
 
                                                                                   [all'apparir]
 
Della pianura immensa, boschivi scollinamenti, delle fratte
l'integro odore del crudo cibo alla vita da ambedue rapinato,
gli sconfinamenti, le tane, i nascondigli, sicut era, assolve
 
                                                                          [e nel contempo apprende]
 
Perché tu rantoli ed io dò di grigno al dente, Lettrice?
 
In viaggio per Faenza: 26.1.2015 
 
 
 
 
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 3981 visitatori collegati.