Al museo no | Filosofia | sid liscious | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Gloria Fiorani
  • Antonio Spagnuolo
  • Gianluca Ceccato
  • Mariagrazia
  • Domenico Puleo

Al museo no

S'è vero tutto scorre io sono l'attore che fermo ed ignaro interpretò il detto per cinquantotto anni.
No non è la fine del mondo nonostante capita a molti sia ben magra consolazione, solo adesso ed alla buonora ho bisogno di prendere fato.
Progetto ambizioso alla mia età?
Può essere bensì la verità è che improvvisamente mi sento nella foschia e non bastasse questa settimana mi trovo più distratto del solito e pertanto mi sovvengono dei ricordi strani e disparati.
È dalle medie che sogno ad esempio, prima desideravo e in seguito mai una volta che abbia voluto e...
E non ho mai trovato il ricordino giusto da infilare in valigia al ritorno dalle vacanze.
Un cruccio tosto codesto.
Ne ho portati certo, ma quello giusto rimane una chimera.
Cornovaglia.
Cosa si porta uno dalla Cornovaglia?
L'idea esatta ti viene al supermercato, visitando un museo, dal dentista o in treno?
Buio completo.
Eppure la gente di tutto il mondo colleziona souvenir.
Ci sono milioni di mobili con il ripiano in alto zeppo.
Credo considerata la mia incompetenza in proposito, ed ovviamente per fare svanire la foschia e ritornare attento, dovrei invertire la tendenza.
La prossima vacanza per dire potrebbe farmi lei trovare un presente azzeccato al mio ritorno.
Che ne so arrivo in città e sono sparite tutte le auto, i mobili, i supermercati, i dentisti ed i treni.
Ecco l'occasione per liberare la fantasia ed avere la testa concentrata pensando a come riutilizzare i chilometri d'asfalto deserti, le stanze spoglie, i capannoni vuoti e gli studi orfani.
Ecco l'occasione per seguire le rotaie con i tempi miei e manovrando a piacimento qualsivoglia scambio direzionale.
Niente è romantico quanto un pieno anomalo d'endomorfine.
Niente è in grado di cambiare la vita quanto un colpo di fulmine capitato alla moglie.
Niente è meglio dell'attore ignaro e fermo che sfugge il copione ed usare una salviettina umidificata di fronte ad una fontana è bestemmia non solamente se dopo la si lancia dentro.
In fondo l'obiettivo, povero me pure quello del ricordino, è creare benessere.
Ebbene allora devo innamorarmi della vivacità culturale propria d'una otturazione, innovare con l'aiuto d'una ruota di scorta, avere esperienze sensuali indimenticabili con la cassa invece che con la cassiera.
E devo fare presto mentre purtroppo ho il vizio di rimandare.
Li ho ancora tutti lì i ricordini.
Decido praticamente ogni giorno domani li butto e non lo faccio ed unilateralmente non se ne vanno e credo di sapere il perché.
Non dimentico mai a caso io.
Ho nominato varie cose fra queste righe infatti ed a quasi tutte ho pure assegnato nuovo ruolo.
A tutte meno una.
Il museo.
Niente di peggio d'un museo.
Gente e fatti che scorrono ed il quadro esposto perennemente lì, immobile e munito della solita espressione e quindi ora so.
Finalmente ora so.
Inconsciamente sbagliai tutti i ricordini esattamente allo scopo d'arrivare al ragionamento di qui sopra, altrimenti dai e ridai avrei accettato loro sono la gente ed i fatti io il quadro.
Demenziale.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 3069 visitatori collegati.