Questi scritti valgono il prezzo del biglietto 8 | Lingua italiana | sid liscious | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Filippo Minacapilli
  • sentinelladellanotte
  • Roberto Farroni
  • sergio de prophetis
  • Lucia Lanza

Questi scritti valgono il prezzo del biglietto 8

Lo sai che fece un tipo per diventare il mio più grande amico Toro?
<No e nemmeno me lo immagino Teo>.
Così senza preavviso alcuno e badando bene a non dirmi niente mi ha piantato un albero in giardino il giorno di Natale.
<Bella cosa davvero.
Lo conoscevi da tanto?>.
Macché e l'ho anche visto poco dopo Toro.
Ma è il mio grande amico io lo so che lui lo sa.
<Che albero era Teo?>.
Un nespolo Toro.
Un poppante e per nulla promettente virgulto di nespolo strappato di nascosto al giardino del suocero ed in condizioni ambientali pessime deposto all'addiaccio.
<Resistette?>.
Madonna se non resistette.
Per quel che ne so e saprò è ancora lì e resterà lì... mentre per quel che ne seppi subito... il suocero non la prese tanto bene.
Probabilmente quando venne a trovarmi... dato che era pure mio di suocero... "infatti" lo vide... infelicemente collegandolo ad un certo danno che aveva notato a casa sua.
<E tu gli hai detto la verità suppongo Teo>.
No no piano... non si tradiscono gli amici neppure se lo sono diventati di recente Toro>.
<E cos'hai fatto Teo?>.
Ho aspettato che facesse lui la prima mossa Toro però nel frattempo è scomparsa mia moglie ed è successa una lunghissima ed estenuante confusione incredibile.
<E non è mai tornata Teo?>.
Sì sì... adesso abitava con lui... non so se mi spiego con suo papà vedovo e vecchio... mi disse ed io dovevo andarmene aggiunse che la casa tornava di loro proprietà...
in quanto il suo genitore assolutamente voleva ancora essere indubbiamente padrone di quell'albero rubatogli deprecabilmente... altrimenti mi denunciavano tale ladro.
<Stavolta pertanto dicesti la verità Teo>.
La conosceva la verità mia moglie Toro.
E conosceva me Toro.
Alla perfezione Toro.
Non ho mai nascosto niente a mia moglie Toro.
Niente niente niente.
Le ho sempre confidato segno per segno la mia progressione e sereno sereno i miei sogni.
E le ho immancabilmente dimostrato efficacemente le mie pulsioni e dato prova palpabilmente dei miei atti Toro.
<Allora è stato pari a quando arriva il traversone giusto Teo.
L'attaccante era da una vita che l'aspettava e non trasformarlo in gol... sarebbe un delitto>.
Dici Toro che gli alberi rubati hanno tanti precedenti?

 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 2427 visitatori collegati.