Across the River | erotismo V.M. 18 | Winston | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Lucia Lanza
  • Giullare della morte
  • Vittorio Lucian...
  • MG
  • kip

Across the River

 
Tra colline esperte, al fondo dei loro canaloni misti
smeraldotopazio, i loro cranii ossuti, i sogni
di chi a badilate prova a riprender rotte
 
Ed è un cammino. Lunga, questa processione senza un vera croce
di chi vorrebbe stare a guardarsi il cielo, dormire, risvegliarsi
pregare alle calde vette degli alberi:- il vostro rumore, pioppi
 
Non fatelo sopire. È così vicina, implume l'orchestra che suona
filtrante l'archetto, il pettirosso, da invitarvi. Un solo gesto del capo:
reclinare il mento
 
Lasciarvi a meritare l'erba fresca avvicendarsi, rigogliosa dopo la secca
chiudervi gli occhi ad uno ad uno erranti. La buona creanza
verso un padre una madre buoni: traversare il fiume
 
Che altro dovrei dirvi della neve, dei laghi e sulle coste larici, abetaie, della stagione
delle fragole, del viola, le primule, dei datteri, i termitai mangerecci
nell'emisfero sud
Delle iguane, dei fichi di cui sono ghiotte
Che altro che ritrovarsi a girottare in tondo su una sedia, l'esser soli tali
un tordo passeraceo e due rotelle messe lì, sedute
 
Voli delle rondini?
 
Il fatto che non ne esista uno, indimenticato. Ognuno troppo insetto
ogni tumulo appartenga ai propri insetti, ai démoni celesti.
Imperi: reclinare il mento ancora non abbasti, dormire non abbasti.
 
Né sentimento di colline, viadotti.
                                               “Across the River.”
Ed è un cammino come un altro.
 
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 1650 visitatori collegati.