Ar giorno d’oggi pe esse quarcuno o pure quarcosa, che devi da esse? | eredi segreti di Mario Merola | Paolo Giannini | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Daniele Santovetti
  • Vin
  • Sara
  • Stefano Siracusa
  • Verena_inpuntad...

Ar giorno d’oggi pe esse quarcuno o pure quarcosa, che devi da esse?

Ar giorno d’oggi pe esse quarcuno o pure quarcosa, che devi da esse? Che devi da fa’? Tocca appari’, spari’ o sparecchia’? Quanto costa er prezzo der vole’ esse quarcosa? ‘nzomma, e tipiche domande che te fai mentre stai a cala’ seiscento testoni a tamburella pe partescipa’ all’escrusivo UORCSCIOP DE QUARCOSISMO FRI LENZ: IMPARATI LI SOSCIAR MEDIA E FUMATE LA CONCORENZA.
Na FUL IMMERSCION da e nove alle venti, che si nun mori ce sta pure er premio finale.

A regazzetta ‘n cassa me guarda e dice:
MMM. SO’ CINQUESCENTONOVANTASCINQUE, NUN CE L’HAI SPICCE?
- No.
- MANNAGGIA NUN C’HO ER RESTO. VABBE’ VAI A FA’ ER CORZO, SE E’ S’ARIBBECCAMO DOPO.
Ho calato li risparmi de n’anno, ma disce che ne vale na cifra la pena. Er doscente LUCENTE TAZIO è n’istituzzione de giornalismo. Tra radio romane, riviste che dopo du numeri finiscono, na cifra de inchieste da lui condotte che scava scava poi erano tutte farlocche ma intanto se parlava solo de quello, ando coji coji ce sta sempre lui de mezzo.
- E’ PURE BONO, dice una de fianco a me.
Sarà n caso ma semo solo ragazze, na trentina.
- SCUSA QUA CE SE DEVE SEDE’ N’AMICA MIA, TE DISPIACE? Me fa una de fianco.
Me siedo dietro. Ar posto de prima nun ce se mette nisuno ma o coprono de borze e quadernetti.
Marusca è stata na cifra carina, m’ha dato er trucco pe mbellettamme la busta e quarche bracciale dei sua che fanno bellezza. Pure lo SMARTFON pe anna’ su internet, si me serve da vede’ quarcosa.
Me vorto e ce sta lei.
- E te che fai qua?
- VABBE’ M’HAI SPOJATA NUDA, TANTO VALEVA CHE VENIVO PURIO.
- Ma come sei entrata?
- HO DETTO CHE ERO L’ASSISTENTE DE TAZZIO, M’HANNO CREDUTO SU A PAROLA.
- E Sharon?
- POI TE DICO.

Ariva Tazio tutto splendido, co a giacchetta, le scarpe da tennis e a tipica abbronzatura der FRI LENZ che lavora nee serre. C’ha cinquantanni, ma a mesciata paja e fieno lo fa na cifra giovanilo.
- SCIAO BELLE, ECCHICE. ALLORA, STAMO NZIEME TUTTO ER GIORNO MA DIREBBI LO STESSO DE NUN PERDE TEMPO. ORGA, ACCENNI ER PROIETTORE.
Dietro de lui, cinquanta pe cinquanta su a parete, ce sta er profilo suo de FEISBUC. Ner giro de sei secondi, ce stanno già ventinove richieste d’amiscizzia.
- AOH, me fa Marusca.
- Che è?
- T’HO DATO O SMARTFON E NUN LO USI? DAJE, CHIEDIJE L’AMISCIZZIA CHE E PIERE SO’ TUTTO. 
- SOTTO E CHIAPPE VOSTRA CE STA N CICLOSTILATO, dice Tazio. - DATEJE NA LETTA. E’ ER DECALOGO DE CIOMSCHI.
- DE CHI?
- LASSA PERDE. TE N TERZA FILA CHE ME PARI NTELIGGENTE, LEGGI. CHE CE STA SCRITTO?

Na tizzia co l’occhiali a bottija legge pe dieci minuti er decalogo daa MANIPOLAZZIONE MEDIATICA e alla fine je ce vole l’ossiggeno.
- SENTITO? TUTTE FREGNACCE.
- MA CHE DAVEROOOOOOOO? Dimo tutte n coro.
- STRAPPATE TUTTO. TRANQUILLE NUN E’ COSMOPOLITAN, NUN FINIRETE ALL’INFERNO.
Se mettemo tutte a strappa’ e se divertimo na cifra a fa’ li coriandoli. Se sente pure puzza de brusciato.
- AOH, STRAPPA’ HO DETTO, NO DAJE FOCO. ER PUNTO QUALE’? CIOMSCHI SAA PIJA CO TUTTO QUELLO CHE FAMO QUANNO SCRIVEMO, MA NOI C’AVEMO N GRANDE POTERE.
- QUALE? Chiede na sminigonnata n prima fila.
- ER POTERE DAA CARTA. CIOE’ DE FALLA A PEZZI E CONTINUA’ A FA’ ER CAZZO CHE CE PARE.

Se sorbimo pe artre cinqùore ‘n pippone de rara levatura su quanto era gajarda a stampa quanno coi giornali ce ‘ncartavamo l’ova, poi tipo te cascava l’occhio su n ritajo e dicevi ammapalo oh, mica ce o sapevo.
- SI’ VABBE’ TAZIO, dice una, MA NOI SEMO NATE NER NOVANTA, CHE CE FREGA DAA CARTA CHE S’E’ STINTA?
- PERCHE’, SU VENITI FE’ NUN CE VORESTI STA’, NO? MA ER PUNTO E’ CHE NUN CE STA POSTO PE TUTTI. E QUI ARIVA ER DIGGITALE. CO E NOVE TECNOLOGGIE, TUTTI POSTAMO, TUTTI TUITTAMO, MA CHE C’AVEMO DA DISSE?
- BOH. CHE C’AVEMO DA DISSE? chiede a sminigonnata.
- NUN ME DEVI RISPONNE AMO’, ERA NA DOMANDA PROTONICA. SCRIVEMO STRONZATE PERCHE’ CERCAMO TUTTI DE COMUNICA’ A VERITA’. MA DE VERITA’ CE NE SO’ TANTE, E COMUNICA’ E’ N’ILLUSIONE. 
- Ma quindi che dovemo fa’?, m’azzardo a chiede.
Tazio me guarda schifato.
- BUTTATELA ‘N CACIARA, E CHI A SPARA PIU’ GROSSA HA VINTO. A PROPOSITO, BASTA CAZZATE. ORGA, VIE’ A SMAZZA’ LI TEST.

Ce da’ n fojo protocollo co na serie de domande.
- ECCHICE AR MOMENTO CLU’. QUELLA CHE VINCE ER TEST, E DUNQUE A SPARA PIU’ GROSSA, VINCE ER PRESTIGGIOSO STASG DE 18 ORE AR GIORNO, TUTTO GRATIS PE SEI MESI, PRESSO A REDAZZIONE DE “LUCENTE NIUS”, ER NOVO GIORNALE MIO. PRIMA M’AVETE CHIESTO ‘N TRENTA L’AMISCIZZIA, QUINDI VOR DI’ CHE SU STO TAVOLO MO’ VOJO VEDE’ TRENTA SMARTFON CHE QUA NUN SE COPIA.
Tutti n fila ndiana annamo a posa’ li telefoni sur tavolo. Marusca se fa largo a spintoni.
- OH QUELLO E’ ER MIO. IO NUN DEVO FA’ GNENTE.
- E CHE CE STAI A FA’ QUA?
- NUN POSSO STA’ CO L’AMICA MIA? GUARDA S’E’ SGRAFFIATO, QUESTO COSTA PIU’ DE TE OH, A SECCO!
Tempo tre secondi e Orga la butta fori. Mentre me passa davanti me dice piano
- AOH, NOO ZAINETTO CE STA ER PIANO BI. AOH, MA CHE TE TOCCHI, A CROSTAA?
Frugo noo zaino de ELLOCHITTI e ce sta n’auricolare. Na carcassa che Marusca s’è comprata quanno c’aveva nove anni che j’arisurtava AMBRA e voleva esse come lei. Me lo infilo naa recchia che tanto co a busta nun se vede, er filo o lascio score dentro o zaino.
- AOH, ME SENTI? SO’ TRE ORE CHE STO QUA.
- Ma chi è?
- SO’ SHARON. STO DAVANTI A INTERNET, LEGGIME A DOMANDA.
- Qua c’è scritto E’ MORTO ER SESTO BITOLZ. SCRIVIME ER COCCODRILLO IN CENTOQUARANTA CARATTERI.
- NOOO PORELLO. MA CHI E’, BOO?
- E mo devi di’ te.
- EH MA MO’ ANDO CERCO? NUN POI FA’ CINQUANTA E CINQUANTA?
- No, manco l’aiuto der pubblico. Ciocca na foto, dimme com’è, fai veloce.
- FATTO.
- Che?
- T’HO MANNATO ER LINC. 
- Vabbe’, bella Sha’.
Me sfilo l’auricolare e m’envento ‘na serie de fregnacce su presidenti affricani, vincitori de li mondiali daa Patagonia, muri de berlino der novantanove e miss muretti der sessantaquattro. Tanto pure a concorenza a vedo na cifra perplessa.

Mentre Orga passa a pija’ li TESTS, ner silenzio generale, sona er telefono. Er mio.
- AOH, N’HAI POSATO O SMARTFON? Dice Tazio.
- Ma è n NOCHIA der novantotto, che ce devo fa’?
Guardo er DISPLEI, ce sta n numero che nun conosco. E a occhio direbbi che è n numero straniero.
- VATTENE FORI A RISPONNE, CHE CE STAI A DISTURBA’. QUA STAMO, MICA SCAPPAMO.

Esco fori.
- Pronto?
- pVonto?
- Eh. Chi è?
- CRRRRRRRRRR TSSSSSSSSSSSS pVonto? pVonto? CRRRRRRRRRRR
- CHI PARLA?
- bVuna?
Me torgo la busta, po esse che capisco mejo quello che vojo capi’.
- MAMMA?
Cade a linea. Nun posso chiama’, ciò zero euro anzi sto pure sotto me sa.

Parte na soffiata de vento che me strappa la busta de mano e se la porta via.
A vedo che s’allontana mentre me viene n mente na cosa.
- PORCODDUE STANNO A DI’ CHI HA VINTO, grido.
Pijo e coro dentro, come sto sto. Ma nun faccio ‘n tempo, che tutti l’artri stanno a usci’.
E tutto è già successo.

Pare che n minuto dopo che so’ uscita Tazio avrebbe detto:
- VINCE… BOOSTA PAZZESCA. CHI E’ BOOSTA PAZZESCA?
Nisuno ha detto gnente, e poi:
- AOH, CE STA BOOSTA PAZZESCA? NO? VABBE’, ACCANNATA. O STASG O VINCE A SECONNA CLASSIFICATA PARMIERI LUISELLA. CIAO, SE BECCAMIO TRA SEI MESI AR PROSSIMO STASG.

Così vanno le cose, o così armeno m’hanno detto che so’ annate. Che le fonti sarebbero da controlla’, eh. A comunicazzione è n illusione, a verità na cosa che sfugge sempre.
Chi è Boosta Pazzesca però me pare chiaro. Nisuno de spesciale. Una dee tante che se trova ar posto giusto ner momento sbajato, e quanno leva e tende ecco che ner frattempo è diventato quello giusto.

Vado a ripija’ a bici, e ce trovo la busta incastrata n mezzo a li raggi. Maa rinfilo e mentre levo a catena me sento ticchetta’ su a spalla.
- AOH, T’HO TROVATA. MENO MALE CHE C’HAI A BUSTA, SI NO MICA TE RICONOSCEVO.
È a regazzetta che pijava li sordi all’ingresso.
- TEH, T’AVANZAVO CINQUE EURI. STAMO A PARO. CHE TE DEVO VENI’ IO A CERCA’? SEI POPO LA PEGGIO. CIAO CI’.

Pedalo che già me sento mejo. Ar primo tabbaccaro posso ricaricà er cellulare e fa’ na chiamata.
Er numero cellò. Pe dove devo chiama’ me sa che me durano dieci secondi, ma forse, pe disse ciao, ponno pure basta’.

Ve stimo na cifra,
Boosta Pazzesca

 

 

brano splendido trovato in rete, se cliccate Boosta Pazzesca troverete il blog di chi ha scritto il pezzo

 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 1976 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • luccardin