Lessicomachia universale | poeti maledetti | ferdigiordano | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Gloria Fiorani
  • Antonio Spagnuolo
  • Gianluca Ceccato
  • Mariagrazia
  • Domenico Puleo

Lessicomachia universale

 
Ne avevamo anche quintali, quindi eravamo di peso.
Quintali di sicumera. O, come dice il devoto: spocchia,
supponenza, arbusti infiltrati da tronchi. Non da terra,
ma sorti da dio. Si può obiettare che non sia questo
il verso giusto per affrontare le parole. Nel paese
le sirene sono sulle labbra di tutti e i denti cadono
nel tranello dei morsi. Un onorevole scontro
potrebbe spremere il succo dal verbo
                                               che avrebbe amato
lo avesse soccorso per quel che è, non per quanto firma. 
L’inconsolabile cittadino portò le braccia al petto 
come un granchio. E da granchio, si spostò sul fianco.
Non poteva che avanzargli la spalla, defilato al lavoro,
stanco, forse un caso, certo la faccia dismessa non basta.
Lasciò scorrere il fiume nel vetro sentendosi al riparo,
trovò l’ago nella legge, sollevò un vespaio. Stette incolume
la spocchia immemore, orba di tanto filo.
O si trattava di ricucire lo strappo tra diverse lingue. 
                                               Se in quel momento 
un uragano, o un colpo di tosse dal fondo, avesse scosso  
le belle figure che abboccano,  più che le quaglie
all'ultimo sole disperatamente trattenuto in volo,
da lassù si sarebbe visto come si incazza la platea, per poco.

 
 
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 3436 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Ardoval
  • live4free