Anonimo

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Roberto Farroni
  • sergio de prophetis
  • Lucia Lanza
  • Giullare della morte
  • Vittorio Lucian...

blog di Giovanni Perri

senza titolo

Riconosco il paese dal colore dei muri
e dai mattini di dura mollica
dal volgere lento arabesco dei figli
che guardano i padri e dalle nuvole

Esserci

e quando dici -non parlare, ascolta
tieniti in questo nucleo di buie nominazioni
qui non si compie nulla, eppure
la tua lesione è uguale alla mia,

senza titolo

A te le mie figure le mie fragilità,
alle tue croci i chiodi della pioggia
e ori e macerie per i tuoi diavoli al culo:
siamo sul tempio sbagliato,

senza titolo

Non devo menzionare la poesia, la miope la bugiarda:
neanche la sua porta piena d’ombre
la soglia cardiopatica il suo ciglio
erboso numinoso, il cigolio;

senza titolo

Mi chiedo se è proprio da qui,
da queste lampade in carta di riso
che è uscito il piccolo incendio,
oppure l’incendio era là, sul cappotto

senza titolo

prima ti parlo con l’orto di mio padre, che anch’io per poco ho faticato:
le cose che non vedi, i miei raccolti, sono messi così, per te, nella tua mano:

una sera di pioggia

Camminava piangendo ed io non ebbi il coraggio
di chiederle perché piangesse.
Aveva i capelli della madre, l’eco delle volte affrescate:

Sentinelle

dietro è ciò che resta, ciò che abbiamo abitato:
detto perché tornasse a riprenderci.
Corpi convocati eccovi soglie rientrate,

Angoli

vorrei tradurre piano la gioia:
fermare il mappamondo con un dito,
mettere casa in un fosso di sabbia dove
scorpione e sagittario si amano:

Come

invecchia bene il tuo sorriso,
tiene ancora quel vizio di nascondersi
dentro una guancia, partire come
da un batticuore, turbare una malinconia.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 1030 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • luccardin