Anonimo

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Artemisia
  • Filo Bacco
  • Marco Galvagni
  • Giuseppina Di Noia
  • dante bellanima

blog di MaLaLingua

un bianco telo

Perdonare è saper amare
vendicare è voler odiare,
la giustizia se ti evita
dalle il tempo che merita.
Non fremere, non temere
ciò che sarà, non potrà tacere
abbi fede nella sorte Leggi tutto »

ogni giorno

Si dissolvono
 i contorni dell'estate
Non piove da mesi.
Sul mio volto, invece,

quando mi baci

 
Quanto mi baci
quando mi baci
e come e dove
io
non lo so dire
ma ti dono il mio tempo liquido
e tu lo bevi
tutto d'un fiato

macramè

Stride tutta questa bellezza,
la mia (mi dicono),
mentre increspo le labbra
e regalo sorrisi al mondo
come quelle bambole
che si mettevano al centro del letto.

E' che,
se solo me l'avessero detto,
avrei fatto attenzione mentre
di rosso smaltavo le unghie
Invece sbavai.
Sembra sangue rappreso
su intreccio di radici e vene
Macramè d'altri tempi tra le mie dita.

cani salterini

a schizzi e a spruzzi

Sveli,
ancora una volta,
nell' eccesso dei  gesti
i frammenti di un antico canto.
Decifro a stento
le tue contraddizioni e
guardo oltre la calma delle onde
che si confonde con la nebbia
 da lì,
proprio da quel centro,
risorge la brama
a schizzi e a spruzzi
mentre, invano, ti fai ombrello di te stesso.
L'attesa si fa sussulto
imprigiona e tutto sovrasta
Tutto è blu come i tuoi occhi.
Troppo lucidi per mentire.
 

a strappi

Vorrei rinascere
nell'attimo esatto
del tuo ultimo bacio
che era ancora inverno
Perchè ora il mio sangue è polline
e non so più scrivere
nè respirare amore
ma solo tossire a strappi
 

rinascita

G.Klimt - Veritas
 
 
Stipo
sottopelle
odori colori  pene
e mi riempio
allargando le maglie del tempo
Sono gravida di luce.
L' esplosione
avrà odore soave di vita
 
 
 

cercatori di coralli

 
I banditi sbarbati
quelli  pivelli, come me,
si spaccano di ferite lancinanti
per sentirsi vivi
e si illudono
che crescano coralli sotto gli alberi
o fragole in fondo al mare
Sudano e nemmeno godono
bevendosi l'impossibile
finchè la nube svapora
rimpicciolendo tutto
A mani rotte, si torna a bordo
 dalla stiva, sale odore stantio
di rancio e rape senza sangue
e non resta che intonare allegramente
un acustico addio
 
 
 
 

haiku?

 
alba torrenziale
eccesso di nuvole
stropiccìo di volti
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 4 utenti e 2297 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • nickandclick
  • Antonio.T.
  • Salvatore Pintus
  • ferry