dialetto | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

dialetto

Notte e juorno

Quanne notte e juorno se scagnene tenerezze 
e se contene 'e fatte salutennese c'allerezza, 
 

'O fesso

'E vvote passo pe fesso e pe scemo overo.
Ogni cosa ca 'mme dicene ce crere.
Forse 'o ffaccio pe cummurità,

“Comme nascette Napule”

Napule nascette pe n'ommo ca 'mpazzette.
Vve parlo 'e 'nu pittore ca pe spasso o follia,
'nu ghiuorno decidette 'e fa 'na pazzaria.

Ll'acqua

Sò ll'acqua ca leva 'a sete e sciacqua sanghe malato.
So' ll'acqua ca te bive quanno nun sì ancora nato.

'Na capa janca

Pullecenella

Cu 'nu lenzuolo 'e raso mm'aggio cusuto 'sta cammisa.
Porto 'na maschera nera ca 'mme cummoglja 'o viso.

Core 'nsisto

Ma che vò stù core. E' semp'isso!
Avota, aggira e sta sempe a ttuzzulia'.
Sona sempe manco fosse 'na zampogna

Ner fosso alla marana

Nì te ricordi quanno se scenneva alla marana
co' libri sotto er braccio, pe' na sega
sgamata sempre er giorno doppo da Ligliana?

'A malaparola‏

'A malaparola te sazia. E' semplice, 'stintiva.
E' bella, curaggiosa. Nunn'è accussì cattiva.
 

‘A scurreggia

'A ggenta altolocata quanno fa' 'na speretiata,
votta pe' dinto a ll'aria n'essenza 'mprufumata

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 2385 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • alvanicchio_Gir...
  • live4free