AnonimoRosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Nuvola93
  • Paolo Melandri
  • Leopold
  • giuseppina lamb...
  • Sandra Pasotti

blog di Alexis

Viandante fra i flutti

E girovago
come viandante fra i flutti
di un tempo mai trascorso,
di terre disabitate,
piene soltanto di quel respiro

Io e te

Io e te
nell'Inferno
di un camino sospeso
su banchi di nuvole sparse
a respirare aliti di brace,
ad ustionare i polmoni.
 
Alexis
26.06.2010

Riflessioni sparse sull'analisi del Sé

Come possiamo noi creare l'Idea di noi stessi? Secondo quale processo l'uomo compie questo sdoppiamento e si osserva attraverso una lente d'ingrandimento dimenticando di lasciarsi vivere ed osservandosi ad ogni passo? È strano che nessun essere umano abbia piena coscienza di sé e delle proprie capacità, dei propri aspetti e sfaccettature.

Philosopher in Meditation [through a Rembrandt painting]

I rintocchi dell'orologio emanavano la propria eco fra le fenditure del legno che ammantava la stanza.
Il silenzio, fitto come una coltre di nebbia, impediva che i rumori divenissero assordanti, ovattava quel ticchettio trasformandolo nell'unica colonna sonora possibile per quei pensieri tumultuosi, ma al contempo incredibilmente vuoti, orfani di voce.
Ed era così che lo sguardo si perdeva fra le trame di una luce fioca, ma calda, entro cui l'occhio vagava e cadeva di tanto in tanto pur non vedendo nulla all'infuori di sé.
 - La proiezione di un pensiero circolare, che aggrotta la fronte e spegne la percezione dell'intorno per ritorcersi sulle proprie spire, come un voluttuoso serpente che si annoda sulle travi, lasciando di sé solo una lieve, umida, traccia. E quando finalmente la coscienza si distoglie, si osserva la solitudine di una stanza piena di urla e priva d'emozione. -
 
Rembrandt, Philosopher in Meditation, 1632.
 
Alexis
13.06.2010

E per l'uomo si attende ormai un nuovo inizio

È incredibile come la rappresentazione della figura umana rispecchi il sentire di un'intera epoca. Ci sono delle cose di cui non smetterò mai di stupirmi, poiché si danno per scontate, ma quando le si osservano più da vicino ecco che l'Illuminazione incombe. Una verità si spalanca di fronte agli occhi, rimasti bendati fino a quel momento.
Stavo scorrendo delle opere presenti fra le foto del gruppo "Pop Surrealism" su facebook, quando ho notato, tra diversi artisti, una tendenza comune, quella di deformare la figura umana. Ciò mi ha fatto riflettere su come, appunto, la figura umana, la nostra più prossima rappresentazione in quanto raffigurazione di noi stessi, sia la prima a risentire degli sconvoglimenti storico-culturali della società. Dalla possanza delle sculture classiche, all'uomo etereo-simbolico del Medioevo, ancora all'uomo a tuttotondo del Rinascimento, per citare qualche esempio lampante.
E adesso l'uomo come è? Come sta? Ce lo dice l'Arte, sempre lei.
L'uomo del nuovo millennio è un uomo deforme. Teste giganti e occhi piccolissimi ben distanziati fra loro, è un uomo scarnificato [come in Chris Peters], un uomo che non perde la sua essenza di umanità, ma che viene letteralmente inghiottito dal dramma della contemporaneità e che si rifugia in mondi fantastici, il famoso Wonderland di Alice, oppure in mondi in cui le sue membra vengono orribilmente lacerate e l'anima dilaniata, un mondo in cui diventa cavia da laboratorio.

Incendio

Quando il fuoco divampa
è difficile impresa placare la sua ira.
Ma se quel fragore non foss'altro che pianto?
E quei ruggiti laceranti urla di dolore?
 
Ma poi è subito silenzio,
un silenzio che non conosce pace.
 
Foto dal web.
 
Alexis
20.05.2010

Sull'attesa

L'attesa impone di decidere se si tiene a qualcosa tanto da aspettare che avvenga da sé, oppure rinunciarvi ancor prima di scontrarsi con la propria ignavia. Insomma, da la possibilità di comprendere autonomamente i propri limiti e le proprie incertezze, evitando di recare danno a terzi. È un'occasione, a volte mascherata da tormento, ma ha pur sempre un fine positivo.

Alexis
15.05.2010

Il vago errando

Dal detto catanese:
"Unni a gghiri jennu?"
Io qui mi domando:
"Dove devo andare andando?"
Ebbene, signori miei,
io così vado...
... e(p)pure errando.
Perché dell'errare
io porto il verbo
e in un senso
e nell'altro.

Alexis
13.05.2010

Dilaniato

Le spire s'avvolgono
sul pendio dei sogni.
Lentamente soffocano
il gemito della speranza,
lasciando l'anima muta
e cieca
e sorda
priva di quel barlume di gioia
che l'ha resa viva.

Alexis
11.05.2010
Clicca la foto per ingrandire
Alexis, «I lost my hope along the way», penne e matite su carta comune, 05.2010 // parole tratte da What If? dei Godsmack

Di nero e d'oro [inseguendo Klimt]

Di nero e d'oro
si vestono le figure
che languide s'agitano
su tele di rame ed argento.
Voluttà sottile
ne attraversa i ricami,
le vesti, gli ornamenti,
accarezzandone le carni
morbide come tessuti d'oriente.
 

G.Klimt, «La Giuditta»
 
Alexis
13.04.2010

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 1815 visitatori collegati.