Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Poesia

Un sole consolatore

Nel triste finire del giorno
quando l'acqua si acquieta
in piccole onde ordinate.
Tu ti areni sulla battigia

Sorrisi spenti

pierrot triste
Sorrisi spenti
sul limitare del ricordo.
 
Ultimi sussulti
di un cuore precario
che ulula alla luna

Ad occhi aperti

occhi aperti
Sogni, aquiloni di carta stagnola
avvolgono desideri insoddisfatti
quasi promesse di celere ritorno
bugie colorate -fili- li sostengono

io vivo insieme a te

 
Che tu sia nuvola o vento
fiume di cascata o lago di montagna
il giorno che si rileva o la notte d’ascoltare

Le promesse di Antonio (*)

Lo amai per quei gesti inconsulti,
all'ordine del giorno,
per quei piccoli passi da studente
che mi diceva sempre

Poesia si fa

è che poesia si fa da sé
nel seme del suo autocrearsi
 
è nella danza del calabrone sul fiore
nel gioco

Il venditore

Una cosa mio padre
non ama delle cose:
l'unilateralità.
Per lui poesia del vivere
significa moltitudine

Senza titolo

Padre adorato
troppo di te risuona in me,
anche se in qualche modo tu non sei me.
Sei stato il mio parto crescente,

Tutti i nostri ieri

dipinto dell'autore
Tutto tace lungo i sentieri
della notte
nelle chiare acque
dei tuoi sogni.
 
Sospiri di meriggi assolati

nel vento

 
Andare via nel vento
come una foglia
una piuma
e non sapere dove o quando ritornare

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 7 utenti e 2779 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Marina Oddone
  • BOWIL
  • Salvuccio Barra...
  • ferdinandocelinio
  • live4free
  • Eleonora Callegari
  • Antonio.T.