Scelti per voi

Login/Registrati

Commenti

Piazzetta virtuale

 agorà

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Whiteswan
  • bluscuro
  • Schiappa71
  • perseo17
  • Nadia C.

Blog

Quel brivido dagli occhi.

 
Acquartierata in un sobrio comò prima del letto
un’eco di giubilo sobilla le camicie ad impalmare
i tuoi fragili sottanini cuvèe.
Li indossi a pelle e gli occhi
inoculano brividi che lievitano sudori.
Se i pori potessero aprirsi a dismisura
tutto il sangue prenderebbe il posto delle braccia
ora tese come un ponte di liane sovraccarico.
All’angolo delle ulne manca una curva calma
e le mani protendono febbrili
il loro assedio alla torre delle spalle.
 
Sulle merlettature, fieri capezzoli bruniti
avanguardano l’ansia della presa.
Una massa di fili dorati rastrella l’aria
ventila il mio viso e rende irta la pelle:
tendo a te come un nembo al temporale.
 
Ora le dita sono pioggia di giavellotti
sulla testuggine del tuo ventre:
si contrae, palpita, rilascia l’aria in un ah! monocorde:
gemito o tutta un’orchestra nel golfo mistico del pube?
 
Avrò sere per sondare quella tua terra
e mi restituirai ogni gemma di peccato.
Quei ricordi di te di me delle tazze sporche nel lavello
delle orme di sabbia all’ingresso di un bacio
prima di ogni parola sulla pelle.
Parole che parleranno lingue chiare
storie composte a vita da graffiti
nel disegno rapido dell’età che media.
 
Avremo un nuovo limite sul nostro arco di schiena:
superate le colline degli anni
il brivido negli occhi arrotola il profilo del piacere.

La Nostra Passione

Fuoco intorno a noi…
Arde nei nostri corpi…
Brucia sulle nostre labbra…
Sei dietro di me..
Mi sussurri parole d'amore,
il mio cuore accelera i battiti
Scottano le tue  mani
Sul mio seno
Sul mio corpo
Sento un calore dentro
Che mi penetra
Docile come una carezza
Il mio corpo vibra
Al solo tocco …
I nostri respiri ansimanti
Suonano  una melodia d'amore.
All'improvviso un'esplosione di piacere!
Mi chiedi a chi appartengo,
sussurro che sono tua.
Si tua …
 Passione,
 Fuoco che brucia  nel mio cuore…
 
yasmine73
 
 

 

Chiodo

Mi hanno picchiato nel muro
non ricordo più gli anni
a reggere un quadro fiorito
un prato con tanti papaveri
alla parete resisto arrugginito
per uno specchio coi fregi dorati
preferivo il tempo dei fiori
ma se non altro quelli che guardano
sono troppo presi da sè per levarmi.

Prorompenti di vita

Solo parole

 
Parole sempre più forti
richieste sempre più ardite
immagini da far bruciare
il viso per il rossore
l’imbarazzo
ma insieme il dolce piacere.
Scrivimi scrivimi ancora
sono parole
solo parole
parole cariche della tua passione
della tua emozione
di te.
Saranno mie tutte le sensazioni
che vorrai donarmi
da condividere
con lo stesso ardore
con uguale calore.
Bruciami!
Ti darò tutte le sensazioni
che potrò donarti
da condividere
con lo stesso ardore.

Fantasia di pietra

Le scogliere, in Sardegna sono il mio libro di favole da sfogliare per cercare le immagini che hanno toccato la mia fantasia.

Di: Odo Tinteri

Le mie ossa

"le mie ossa
bucate come miniere
passate per le scavatrici
così che la morte
tutta ci piomba
come nei sacchi"

 

 

Michele Caccamo

I fiori dei morti

C'era un uomo che attraversava la strada all'altezza di Piazzale Clodio e aveva un crisantemo in mano. Con l'altra teneva per mano una donna orientale e non dicevano nulla, la pioggia li bagnava e loro educatamente affrettavano il passo per superare l'incrocio. Poi ho visto l'uomo avvicinare il crisantemo al naso per annusarlo ma la donna gli ha fatto cenno che non sta bene e l'uomo ha di nuovo posato quel fiore lungo, lunghissimo, bianco, a testa in giù, come fosse un ombrello. Li ho visti scomparire dentro un bar e ho immaginato il barista che alla vista del fiore si è grattato. I fiori dei morti vivono due giorni soltanto poi la pioggia se li porta via e così anche il pensiero dei morti ma non è sempre così. All'incrocio di prima, ad esempio, un automobilista suvmunito che andava di fretta ha iniziato a strombazzare perchè voleva arrivare primo. D'altronde siamo una società di arrivisti, lo dicono tutti, persino i giornali, la televisione. Aveva fretta di andare al Tribunale credo o forse a Via Teulada dove c'è una delle sedi RAI, la riconosci da un'enorme parabola. Il tipo suvmunito si è prodotto in un sonoro "mortaccitua". Un po' fuori sincrono devo dire, perchè ieri avrebbe avuto più effetto, più share diciamo così. Il tipo con il crisantemo non credo l'abbia sentito o forse già sapeva che dopo cento metri il Suv si sarebbe accartocciato come una busta in tetrapak di latte alta qualità contro quel semaforo. Anche i Suv, in fondo, se prendono il verso giusto fanno una brutta fine.
L'uomo crisantemo munito sarebbe uscito dal bar e con grande naturalezza avrebbe posato il suo lunghissimo fiore su ciò che restava del macchinone, magari sarebbe riuscito a incastrarlo nella vaschetta del radiatore per farlo durare qualche ora in più e poi avrebbe detto amen. Ma senza convinzione. Leggi tutto »

L’Uomo in nero / 2

D’improvviso sul vetro dello sportello dello scompartimento apparvero le quattro rotelline d’un automobile. Fecero una giravolta e tornarono a strisciare sul vetro con un suono raschiante. Poi apparve il volto del bimbo che stringeva la piccola vettura tra le sue dita. L’uomo in nero lo vide, e d’immediato calcolò quanto inoffensiva fosse quella presenza. Ma non tralasciò di seguire i suoi gesti. Il bimbo lo guardò attraverso il vetro, facendo il rumore della sua Ferrari. Uno sguardo innocente che si tramutò in un sorriso. L’uomo in nero non seppe corrispondergli, e allora guardò fuori, dietro le spalle del bimbo. Ma non c’era nessuno. Guardò meglio: proprio nessuno. Allora si volse verso il finestrino, e lo chiuse, mentre il bimbo spingeva l’uscio scorrevole e metteva un piede nello scompartimento.

- Si può? chiese, per niente timido.

E l’uomo gli fece un verso strano col volto. Un sì o un no, o forse un non so, o qualcosa del genere. Il bimbo lo prese per un gesto d’affermazione ed entrò per sedersi a un lato dell’uscio rimasto aperto.

- Quì c’è posto. Molti posti liberi, disse ancora il bimbo. E tornò a sorridere, e a muovere sull’altra faccia del vetro la piccola Ferrari rossa.

L’uomo con la testa lucida e gli occhi oscuri lo guardò come un intruso, ma non disse che già. Poi diede un’occhiata all’orologio che teneva stretto al suo polso e si girò a guardare il mare. Il treno correva parallelo alla costa, rompendo al suo passaggio l’aria salmastra che saliva dalle spiagge popolate di barche e di reti. Leggi tutto »

Quattrocento settanta

Lirica di Vittorio Fioravanti

Superficie incolore e silenzio
neppure un grido animale nel vento
un deserto vuoto di niente
rari arbusti affiorati per caso
rattrapito fiore notturno
nato già morto al mattino

L'orma d'un passo grave
un nudo corpo abusato
grumi caldi di sangue umano
fardello gettato via dilaniato
tra sassi e polvere grigia
d'un aspero dosso
d'oscuri rifiuti
dallo stesso assassino

Ennesima giovane figlia
d'una misera primavera
che non torna più a casa viva
negl'intricati sobborghi poveri
di Ciudad Juárez

Quattrocento settanta

donne ammazzate
un grosso numero
d'inaudito spessore
che strappa brividi
di greve furia impotente
e disperato rancore

Novembre 2007

teatro

La vita, infondo, è un teatro.
L’Ultima battuta
Una preghiera
Orofiorentino

Cerca nel sito

Calendario 2017 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Ebook su Amazon

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 5 utenti e 3005 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • nickandclick
  • live4free
  • Giuseppina Iannello
  • Antonio.T.
  • luccardin